Home > Almanacco quotidiano > 1 gennaio 1808 – Nasce a Rimini Enrico Bilancioni, medico, letterato e patriota

1 gennaio 1808 – Nasce a Rimini Enrico Bilancioni, medico, letterato e patriota

Il 1 gennaio 1808 nasce a Rimini Enrico Bilancioni. Il padre Domenico, originario di San Clemente, è medico e primario all’ospedale di Rimini. Enrico segue le sue orme fino a succedergli nella carica.

Il 25 marzo 1831 Enrico Bilancioni si prodiga durante e dopo la Battaglia delle Celle per curare i molti feriti tra i duemila volontari scontratisi con l’esercito austriaco. Non sta facendo solo il suo dovere di medico: come scrive Antonio Montanari«Enrico è un fervente sostenitore dell’indipendenza e della libertà della patria. L. Tonini lo descrive “uomo schietto, e di molto ingegno”. Alfredo Panzini lo ricorda latinista, filosofo, e morto quasi povero, egli nato ricco». Altri lo descrive «solitario, sdegnoso, taciturno, raramente col sorriso sul labbro, parco di lodi, che temprava sempre con qualche leggero rimprovero» ma di immensa generosità« sotto quella ruvida scorza».

Fra l’altro, è il dottor Bilancioni, nel 1836, a comporre l’epigrafe, tutt’ora visibile in via Giovanni XXIII, in onore del Conte Daniele Felici, ministro napoleonico.

Nel 1848, poco dopo l’uccisione di un figlio del notaio Giacomo Borghesi, Enrico Bilancioni, come ricorda Carlo Tonini, «fu aggredito da ignoto sicario in mezzo a due suoi teneri figlioletti, mentre con essi conducevasi a casa»;  quasi difeso dai due fanciulli, Domenico ed Eleonora, resta lievemente ferito.

Ancora Montanari: «Nello stesso 1848 è nominato nello stato maggiore della Guardia Civica istituita l’anno prima (5.7) da Pio IX, e considerata dai patrioti come una garanzia di libertà». 

Nel 1855 si dedica anima e corpo a fronteggiare la terribile epidemia di colera che ha colpito Rimini come mezza Europa.

«Nel 1859 Enrico Bilancioni è nella Commissione municipale che assume i poteri di Giunta e Consiglio comunale dopo la fine del potere temporale (21.6), contro cui si è sempre battuto in nome della “evangelica legge di libertà e fratellanza”. Egli “con animo schietto aveva sempre pubblicamente in libere parole rimproverato l’infausto andazzo del governo romano” (CT). Poi è deputato all’Assemblea della Romagna».

Nel 1860 insieme ad altri medici dell’ospedale – Vincenzo Serra (1814-1898) e Alessandro Niccolini (1825-1892) – mette in piedi «la “Favilla” il primo periodico cittadino “in senso assoluto con notizie politiche, economiche e statistiche”».

Nel 1865 Bilancioni pubblica ad Ancona  “Il compito odierno”, che denuncia «la pesantezza delle esazioni fiscali e l’altissimo numero di analfabeti esistenti in Italia»:  al censimento del 1861 su 22 milioni di cittadini,17 milioni  (77,2%) non sanno  leggere né scrivere; in Emilia e Romagna gli analfabeti sono addirittura l’81% e i picchi peggiori sono proprio nella seconda.

Enrico ha un fratello che si è trasferito a Ravenna: Pietro. Avvocato, ma soprattutto appassionato bibliofilo, mette insieme una ricchissima raccolta di copie di rime volgari dei secoli XIII-XV desunte da manoscritti e da stampati. Carducci apprezza a tal punto la raccolta da raccomandarne l’acquisto, nel 1878, alla biblioteca comunale dell’Archiginnasio di Bologna, dove è tutt’ora conservata.

«Il figlio Domenico (1841-1884) – ci informa ancora Antonio Montanari – nato da Laura Marchi, medico e fervente mazziniano è tra i ventotto dirigenti repubblicani arrestati il 2 agosto 1874 a Rimini, sul colle di Covignano, nella villa dell’industriale Ercole Ruffi».

Enrico Bilancioni muore a Rimini il 29 luglio 1888. E’ sepolto all’ingresso del Cimitero monumentale di Rimini, insieme ad altri cittadini insigni del suo tempo.

Scroll Up