Home > Almanacco quotidiano > 31 maggio 1799 – Rimini insorta scaccia i francesi

31 maggio 1799 – Rimini insorta scaccia i francesi

Rimini, 31 maggio 1799: «Oggi è stata un’altra giornata di gran funesta; verso mezzo giorno si è saputo che il Conte Fabert Francese con circa 150 soldati Piemontesi, e altri di suo seguito veniva con un canone avanti per entrar in Città. Tutti li nostri Solevati, con li Contadini ed alla testa il Tenente Carlo Martiniz sono andati in contro con canone, ed hanno fugati li Nemici, col far prigionieri sette, e morti si dice altrettanti; vanno dietro al Comandante, e tutti gli altri si sono dispersi; questa sera hanno fatti prigionieri altri, e presi due pezi di canone. La nostra popolazione è molto riscaldata. Il nostro vescovo Feretti ha fatto un fervorino sulla Piazza della Fontana al Popolo, ha fatto liberare il Padre, ed il Figlio Zavagli dall’arresto, ed ha creato unitamente al popolo un Magistrato, ed il Comandante Civico. Il Magistrato è composto di 5 soggetti: Ercole Bonadrata, Marco Bonzetti, Girolamo Soleri, Carlo Zollio, e Giuglio Cesare Bataglini, ed il Comandante Giovanni Battista Agolanti. La residenza del Magistrato è in Casa Gambalunga».

Così riporta Nicola Giangi  nei suoi appunti quotidiani vergati in stentato italiano. Ma cosa sta succedendo?

Rimini è nella Repubblica Cisalpina; la Repubblica Francese, dopo le sorprendenti vittorie del giovane generale Napoleone Bonaparte, da tre anni controlla di fatto l’Italia. Ma Napoleone ora è bloccato in Egitto, la sua flotta distrutta dagli Inglesi di Nelson. E allora in Italia è calata la coalizione anti-francese, guidata dai Russi. Il  27 aprile il generale Aleksandr Vasil’evič Suvorov sconfigge a Cassano d’Adda i franco-cisalpini del generale Barthélemy Catherine Joubert. I Francesi devono sgomberare Milano e la Lombardia, poi il 25 maggio evacuano Torino e il 27 Napoli.

la-bataille-de-cassano

Il generale Suvorov guida i Russi nella battaglia di Cassano d’Adda

In questa situazione, anche a Rimini c’è fermento. La città è divisa fra i filo francesi e i fedeli alla tradizione. Divise anche le stesse classi sociali, nobiltà ed ecclesiastici inclusi, anche se fra i borghesi e gli artigiani cittadini si guarda con più favore alle novità della Rivoluzione, mentre campagne e marineria restano dalla parte dell’Ancien Régime . Ma al di là delle idee, il comportamento dei Francesi non riscuote grande entusiasmo nemmeno fra i loro sostenitori: ruberie, prepotenze, atti sacrileghi gratuiti, non corrispondono esattamente alle attese del “mondo nuovo” che tanti nutrivano.

Il 30 maggio si sparge la voce che Forlì è insorta, che si bruciano gli Alberi della Libertà e si arrestano funzionari e “giacobini”.

Intanto fin dall’alba un brigantino austriaco a otto cannoni incrocia davanti al porto. Il generale Fabert, comandante francese della piazza, manda subito la truppa sulla palata con un grosso cannone.

Un brigantino di inizio Ottocento

Un brigantino austriaco di inizio Ottocento

Nel pomeriggio, il brigantino si avvicina. Accorrono sul porto anche gli ufficiali francesi, a cavallo, seguiti da un codazzo di curiosi. Ed ecco che tutti i pescherecci che erano in mare rientrano frettolosamente.

«Il brigantino austriaco – scrive Carlo Tonini – ridottosi a poca distanza dal molo, prende a far fuoco contro la trincea. Il Fabert ordina che gli si risponda col cannone, e per tal modo il combattimento è ingaggiato. Allora i pescatori, rientrati, come si è detto, in porto, e scesi a terra, si attruppano colla moltitudine accorsa degli abitanti dello stesso porto, e armati di remi, di bastoni e di picche si gettano addosso ai comandanti e ai soldati repubblicani, li battono e li scompigliano, e in breve li costringono a desistere dalla difesa e a darsi a precipitosa fuga. Il legno imperiale colto il destro, entrò in porto: e il tenente di marina Carlo Martiniz, sceso a terra co’ suoi pochi armati, si congiunge coi sollevati marinari, e tutti insieme assalgono la porta della città, ne cacciano le guardie, e preceduti dal vecchio parone borghigiano Giuseppe Federici, detto volgarmente il glorioso, percorrono le vie maggiori, schiamazzando e gridando — morte alla Repubblica — morte ai Giacobini — viva il Papa — viva l’Imperatore — viva la Religione. — Giunti sulla piazza della Fontana, vi disarmano la Guardia nazionale, atterrano ed abbruciano i vessilli della libertà, e vi sostituiscono quelli di Cesare e del Pontefice».

"S. Antonio da Padova protegge l'esercito della Santa Fede", stampa popolare

“S. Antonio da Padova protegge l’esercito della Santa Fede”, stampa popolare dei Sanfedisti napoletani

È la sollevazione: «Per prima cosa sono invase le carceri, e ne son liberati tutti i delinquenti d’ogni specie». Poi tocca la palazzo pubblico e a quello del governatore, che vengono saccheggiati e devastati: «Anche le donne vi prendono parte e danno mano ai rivoltosi nel trasportare quadri, tavole, seggiole, specchi e robe di qualunque specie. Nè si arrestano quei forsennati : chè investono i fondaci degli Ebrei, spezzano le porte delle loro botteghe e in breve tempo le spogliano di tutte le merci».

A quel punto, chiunque possieda qualcosa è nel panico, da qualsiasi parte stia: «ognuno temendo il furore della plebaglia cerca di porre in salvo le proprie sostanze e le cose più care sotterrandole o chiudendole ne’ muri o gettandole ne’ pozzi e nelle fetide sentine».

Il tenente Martiniz prova a riportare la calma, prima a voce poi a sciabolate; niente da fare. Arriva allora il canonico Ottavio Zollio (sarò poi vescovo di Rimini, tacciato di “liberalismo”) e «con dolci e affabili modi» placa gli animi. Il Martiniz ne approfitta  e prima di sera fa affiggere un proclama: o restituire il bottino delle ruberie entro 24 ore, o fucilazione«Fu in parte obbedito».

Ma il giorno dopo, 31 maggio, dalla campagna e dai monti cala «un gran numero di villani, quali armati di falci, di zappe, di mannaje e di bastoni, quali di lunghe e rugginose spade e di antichi archibugi». Un parapiglia scoppiato presso la casa «dell’egregio dottore in legge Francesco Zavagli, uomo integerrimo e causidico di molto nome» provoca l’arresto suo e di suo figlio Antonio, fra grida e archibugiate.

sanfedisti

Ora accanto al Martinitz deve intervenire il vescovo Ferretti in persona, «e fermatosi sul ponte del rigagnolo della fontana (nell’odierna via Gambalunga, che all’altezza di piazza Ferrari era attraversata da un ponticello per superare lo scolo cielo aperto della Fontana) presso la chiesa del Suffragio si diede a pregare il popolo». Nonostante i molti “Viva il vescovo!”, gli arrestati della famiglia Zavagli vengono liberati solo a fatica.

Seguono gli avvenimenti narrati da Giangi. Fabert e i suoi franco-piemontesi compaiono a un miglio dal borgo S. Giuliano, ma sono ricacciati a S. Giustina.

Il giorno dopo Martiniz va a snidarlo con un centinaio di cavalieri volontari e lo costringe ad abbandonare la posizione, nonché, scrive ancora il Tonini,  «i due suoi cannoni di campagna, la sua stessa carrozza di viaggio, una bandiera e la cassa militare. Molti soldati francesi e piemontesi lasciarono la vita sul campo, molti furono fatti prigionieri. La vittoria non poteva quindi essere più compiuta. Lo stesso Fabert, fuggendo a traverso della Marecchia e delle colline, in compagnia del suo fedele aiutante Gironda riminese, il quale nella fuga perde cappello, sciabola e cappotto, si rifuggì coi pochi rimastigli nel Forte di S. Leo, che teneasi ancora per la Repubblica. Alle 12 meridiane del dì seguente (1 giugno) le nostre genti ritornarono trionfanti col condottiero austriaco menando seco i cannoni e le altre cose tolte al Fabert. E non è a dire con quanta festa e con quanta ovazione fossero accolte dai cittadini».

Scroll Up