Home > Tavola > Al Mèni: sbarca a Rimini il circo degli chef

Al Mèni: sbarca a Rimini il circo degli chef

Ci saranno le mani di 12 astri nascenti della cucina internazionale, la nuova generazione che viaggia per cucinare, alla ricerca del momento giusto per dare spazio alla propria creatività. Accanto a loro ci saranno le mani di 12 fra i più grandi rappresentanti della cucina e della tradizione della Regione Emilia Romagna, capaci da sempre di attrarre, in lungo e in largo per la via Emilia, i pellegrinaggi di tantissimi gourmet alla ricerca di quei piatti unici che rappresentano la migliore cucina d’Italia all’estero.

Sono loro i protagonisti di ‘Al Mèni’ (www.almeni.it), in dialetto romagnolo ‘le mani’, dal titolo di una poesia di Tonino Guerra, la festa del gusto che il 23 e 24 giugno prossimi si svolge dentro e fuori un circo unico dei sapori, nella piazza intitolata al grande regista Federico Fellini, tra il mare e il Grand Hotel. Ventiquattro chef, in coppia, si alternano fra sabato e domenica nella grande cucina a vista per creare piatti unici a prezzi da street food. Mentre attorno al tendone, il mercato degli artigiani e dei prodotti di eccellenza sfila sul lungomare fra percorsi del gusto, incontri con autori ed esperti, laboratori, percorsi col personal shopper, spazi dedicati al cibo di strada d’autore e ai gelati stellati.

L’idea nasce cinque anni fa da Massimo Bottura, che ha immaginato un tendone del circo di ispirazione felliniana in mezzo alla piazza e pensato a una grande celebrazione della cucina e dei prodotti dell’Emilia Romagna nel clima spontaneo di una festa di strada. A trasformare l’idea in un evento è stato il Comune di Rimini, insieme alla passione e al sapere dell’Associazione Chef to Chef Emilia Romagna Cuochi e di Slow Food Emilia Romagna cui spetta il compito di esaltare le eccellenze di una regione unica in Europa a vantare un paniere di 44 prodotti DOP e Igp.

La formula è consolidata eppure anche quest’anno, come ogni volta, ci sarà un’importante novità. Sabato 23 giugno, dalle ore 23 in poi, si accenderanno le luci di un circo a cielo aperto, in riva al mare, per “8 e 1/2notte”, una festa con tutti gli chef protagonisti dell’evento e non solo. Al Mèni Night Out è organizzata in collaborazione con MUNCHIES (il vertical sul cibo di VICE Italia), anche media partner dell’evento. La serata sarà un concentrato della bellezza della Riviera d’estate: musica, cocktail, spiaggia ed echi felliniani sullo sfondo. Durante i festeggiamenti, che si svolgeranno presso la battigia del bagno 17 di Rimini, si alterneranno alla consolle due performer: Paula Tape e Dj Francisco.

 

Gli chef nel circo 8 e ½ dei sapori
Nutrito il parterre di chef di questa edizione. Fra i cuochi internazionali troviamo: dalla Thailandia una giovane chef indiana come Arora che guida la cucina del secondo ristorante del gruppo Gaggan. Poi Tekuna, regina della Georgiana che ha ristoranti sia tradizionali che gastronomici contemporanei. Adrian Klonowski, astro nascente della cucina polacca che è appena arrivato a guidare il prestigioso ed esclusivo resort di Muhu Island perso nel mare abbracciato da Estonia e Finlandia. Ci sarà un nutrito gruppo di ragazzi della new wave austriaca, come Lukas Mraz, prestigioso figlio d’arte che ha preso una via propria e personale, ma anche Felix Schellhorn che si è ricavato uno spazio di lavoro davvero interessante in un piccolo Bed and Breakfast lontano da tutto. Due ragazze davvero coraggiose come Nikita Sergeev e la franco-vietnamita Celine Pham e sono invece ‘indipendentiste’ che partecipano ad eventi in giro per il mondo o aprono ristoranti. Pedro Pena Bastos era stato nominato chef rivelazione dell’anno in Portogallo, prima che un incidente lo facesse riflettere sui valori della vita, a giugno apre il suo nuovo progetto per un unico tavolo da 14 persone nella capitale lusitana. Santiago Lastra Rodriguez, dal Messico, ha visitato decine di paesi del mondo dopo gli anni passati al nordic Food Lab, ha supportato alcuni dei progetti e degli eventi più interessanti del mondo, compresa l’apertura del Noma Mexico. Katsumi Ishida giapponese è stato probabilmente il precursore degli chef che aprono gastro bistrot. Il suo oramai storico locale di Lione è una pietra miliare della cultura gastronomica francese contemporanea. Paulo Airaudo è un ostinato argentino che ha fatto una gavetta lunga e intensa, anche in Italia, prima di aprire un ristorante nei paesi baschi, dove la stella Michelin lo ha premiato molto presto confermando le sue capacità e la sua volontà di fare bene in una delle regioni capitali della gastronomia mondiale. Non possiamo avere una edizione di Al Meni senza Simone Tondo che lancia il suo nuovo progetto sempre a Parigi, prendendo il governo di un locale storico classico della Ville Lumiere: Racines, dove porta la sua naturale commistione di italianità e francesismo.
A rappresentare l’Emilia Romagna, Al Meni numero 5 ospiterà quest’anno: Daniele Minarelli dell’Osteria Bottega di Bologna e Giovanna Guidetti della Fefa di Finale Emilia. Abbiamo poi il ritorno di Massimiliano Mascia del San Domenico di Imola, uno dei ristoranti più importanti italiani, che da quasi 50 anni è meta di pellegrinaggio per tantissimi gourmet. Faccani fresco delle 2 stelle Michelin oltre a coordinare lo spazio di street food fuori dal circo, tornerà nel tendone con la sua grandissima cucina di Riviera. Agostino Iacobucci aggiungerà una nota partenopea agli ingredienti emiliani che hanno fatto grande la sua cucina negli ultimi anni a Bologna. Massimiliano Poggi torna nel tendone per raccontarci il suo nuovo progetto nella campagna di Bologna che porta il suo stesso nome. Silver Succi e Claudio Di Bernardo sono i rappresentanti riminesi della gastronomia romagnola rispettivamente col Quarto Piano, che è anche partner dell’evento con uno stand proprio, e del mitico Grand Hotel di Rimini. Fabio Rossi ha cambiato casa negli ultimi anni, andando a collaborare con la Taverna Righi di San Marino, siamo curiosi di vedere come la sua cucina è cambiata in questo passaggio. Terry Giacomello è uno degli chef italiani più influenti della sua generazione dopo gli anni passati da Ferran Adrià e tanti grandi maestri in giro per il mondo, i suoi piatti danno un punto di vista radicalmente diverso sulle materie prime della nostra regione. Athos Migliari è la seconda generazione di una storica famiglia che ha fatto grande la cucina della bassa ferrarese, ‘La Chiocciola’ è un ristorante meta di tutti gli appassionati dei prodotti di valle preparati in chiave contemporanea e dei migliori vini italiani. Come ogni anno l’evento viene aperto da uno dei due sous chef di Osteria Francescana Takahiko Kondo, che ci ha abituato a piatti che coniugano perfettamente le sue radici giapponesi con i grandi ingredienti della nostra terra.

Il mercato dei prodotti agricoli
Le eccellenze dei prodotti dell’Emilia Romagna scendono lungo la via Emilia per ritrovarsi davanti al mare nel mercato di Al Meni, ancora una volta insieme per raccontare gli ingredienti che compongono quella che è considerata la migliore cucina d’Italia all’estero e che ha guadagnato la sua fama, oltre che per l’abilità dei suoi interpreti, proprio per la straordinaria qualità delle sue materie prime. Gli artefici di tali eccellenze saranno riuniti nello spazio mercato di Al Meni che si svilupperà sul lungomare a partire dal tendone del circo fino al porto. Sarà possibile conoscere e assaggiare i prodotti straordinari e scoprire la loro artigianalità attraverso i racconti dei cantastorie/artigiani/produttori che animeranno le giornate di Al Meni da protagonisti. Avremo i prodotti famosi in tutto il mondo, come il Parmigiano Reggiano e il culatello, insieme ai piccoli produttori dei Presidi Slow Food come la mora romagnola, ma anche l’aglio, l’olio extra vergine di oliva, le torrefazioni di caffè, un produttore di salumi di fauna selvatica e di stupefacenti ragù, frutta di stagione di tutti i tipi dalle ciliege di Vignola a tanti altri prodotti che rendono questo meraviglioso territorio una unica miniera di giacimenti gastronomici. Slow Food Emilia Romagna ad Al Meni

Slow Food Emilia Romagna torna con i laboratori del gusto e i piatti dei cuochi dell’”Alleanza Slow Food” e uno slogan “Presidiamo il cibo vero”. Tutti gli spazi Slow Food saranno infatti in dialogo e coinvolgimento continuo con i produttori del Mercato di Al meni. Sotto al tendone del circo è previsto il ciclo di laboratori ludici e didattici “Buono a sapersi!”. Sei incontri con assaggi per imparare a scegliere il cibo quotidiano, facendo la spesa, al mercato, al ristorante, in giro per sagre, feste, eventi, ed anche ad Al Meni 2018. Per esercitarsi giocando, e ovviamente assaggiando, a riconoscere la qualità, il “buono, pulito, giusto e sano” in linea con la filosofia Slow Food. Ai partecipanti verranno proposte le “Mini Guide Slow” al consumo consapevole (da scaricare in formato pdf), per mantenere traccia di quanto sperimentato e appreso. Nello spazio dell’Alleanza dei cuochi Slow Food, si troveranno i piatti dei cuochi dell’Alleanza che quotidianamente nei loro locali propongono prodotti stagionali e del territorio, che raccontano la provenienza delle materie prime cercate una ad una nel rapporto quotidiano con gli agricoltori e i produttori dei Presìdi. Nello spazio attiguo alla cucina dell’Alleanza: personal shopper, fra cui gli stessi cuochi, guideranno i visitatori alla conoscenza dei produttori del mercato di Al Meni fra incontri-assaggio condotti da esperti dell’associazione.

Lo street food gourmet e il gelato stellato attorno al circo 8 e 1/2
Nel piazzale che circonda il colorato circo 8 e ½, ci saranno speciali punti street food stellati. La macelleria Zivieri guiderà il food truck con il meglio della produzione artigiana, fra ‘qebab’ di mora romagnola, panini e hamburger rivisitati in chiave romagnola. Altra postazione, quella dello chef Alberto Faccani che coordinerà le mani di alcuni chef alle prese con la cucina da strada. Una postazione speciale vedrà il ristorante di Rimini Quartopiano, capitanato dallo chef Silver Succi, proporre lo street food ed i prodotti a ‘chilometro buono’ declinati secondo i canoni della cucina gourmand. Il gruppo formato da Sangiovesa, Tenuta Saiano e Vermuteria parteciperà congiunto portando sulla costa i sapori della Romagna dell’entroterra. Le carni e i vermouth della tenuta, declinati nei piatti e nei cocktail pensati per l’evento, racconteranno il territorio tramite sapori puri e inconfondibili. La squadra di Benso porta attorno al circo un menù molto vegetale, ma non solo, e con l’ispirazione di Piergiorgio Parini interpreta al meglio i prodotti a Km0 dell’agroalimentare romagnolo. Altro punto, quello della birra Amarcord, espressione di un territorio ricco di sorprese, con tre gamme a loro agio per accompagnare proposte gastronomiche che spaziano dal cibo da passeggio fino all’alta cucina. Uno speciale spazio sarà dedicato al gelato artigianale in collaborazione con Mo.Ca. e i docenti della Carpigiani Gelato University. All’interno della vetrina da 24 gusti accanto al tendone del circo, si potranno trovare i gusti tradizionali ma anche i gusti speciali firmati dagli chef di Al Mèni. Il gelato artigianale è anche cultura con i 10 laboratori “Gelato Emotions” del Gelato Museum Carpigiani dedicati ai gelato lovers da 0 a 99 anni, in programma sabato e domenica dalle ore 18 alle 22 (domenica mattina anche alle ore 11,30).

Speciale Matrioška: gli artigiani che producono meraviglia
Insieme ai grandi chef e ai migliori produttori, ad Al Mèni portano cuore e mani anche i manu-fatturieri di Matrioška Lab Store. L’evento-contenitore che richiama a Rimini due volte all’anno i migliori creativi di Italia arriva al Circo dei Sogni con il suo “Speciale Matrioška”, una incursione di più di venti tra i migliori artigiani che andranno ad animare un salone a cielo aperto che parte dalla Fontana dei Quattro e prosegue per tutto piazzale Fellini, come ad accompagnare i visitatori all’ingresso del tendone del Circo 8 e ½. Vestiti, gioielli, arredi, ceramiche, illustrazioni, lampade e tanti prodotti dedicati al cibo: il menù dello Speciale Matrioška è quanto di più vario ci possa essere, e il filo rosso che lo tiene insieme è un intreccio di manualità, creatività e originalità. Tre i laboratori di quest’anno proposti da Accademia Matrioška per trasmettere e condividere il saper fare: “Servizio spaiato” per ridare vita a piatti e tazzine (sabato dalle 10 alle 12, prenotazione obbligatoria); “Mangiare in Riviera, istruzioni per l’uso” (sabato alle ore 18) e “Cocktail Experiment (domenica dalle 17 alle 19).

Domenica mattina si inizia con un pic nic stellato nei giardini del Grand Hotel
Evento nell’evento, il déjeuner sur l’herbe, domenica 24 giugno (dalle ore 11,30 alle 15) i cancelli del Grand Hotel si apriranno per un pic nic speciale, organizzato nei giardini dello splendido Hotel liberty caro a Fellini, a cura di Claudio di Bernardo, chef del Grand Hotel di Rimini, di Roberto Rinaldini, maestro di pasticceria, in collaborazione con Massimo Bottura e gli chef di Al Meni. (disponibilità limitata, costo € 40 su prenotazione, tel 0541.56000, info@grandhotelrimini.com)

Al Meni aderisce a Food for Good per combattere lo spreco alimentare
Anche in questa edizione Al Meni sceglie di dare un contributo concreto alla lotta contro lo spreco alimentare. Come già avvenuto lo scorso anno gli organizzatori hanno infatti scelto di aderire a Food for Good, progetto sorto 3 anni fa dalla collaborazione tra Federcongressi&eventi (l’associazione dell’industria italiana degli eventi) e le Onlus Banco Alimentare ed Equoevento. Food for Good, che è stato recentemente inserito tra le best practice della Piattaforma dell’UE sul tema delle perdite e degli sprechi alimentari, prevede che, al termine degli eventi, il cibo non consumato ma integro ed edibile e perfettamente conservato sia recuperato dai volontari delle Onlus per essere consegnato alla struttura caritatevole più vicina. Ad Al Meni il cibo sarà raccolto dai volontari del Banco Alimentare e destinato alla Mensa dei Poveri di Rimini gestita dall’Opera di Sant’Antonio. Dalla sua fondazione Food for Good ha permesso il recupero di circa 80mila piatti pronti e di oltre 5mila chilogrammi di pane e frutta di circa 200 tra congressi, eventi, meeting e convention.

La Sorgente Urbana di Hera: l’acqua di rete a beneficio dell’ambiente
Ad Al Meni sarà sempre presente la sorgente urbana di Hera, sponsor della manifestazione. La sorgente erogherà gratuitamente a tutti i partecipanti acqua di rete, la stessa che esce dai rubinetti di casa, semplicemente resa più fresca grazie a un sistema di refrigerazione e distribuita anche frizzante. Scegliere l’acqua di rete, sicura perché controllata da oltre 2.400 analisi al giorno, significa anche scegliere di salvaguardare l’ambiente, evitando l’utilizzo di bottiglie di plastica e limitando la produzione di rifiuti ed inquinamento. Lo scorso anno, ad Al Meni grazie alla Sorgente Urbana di Hera sono stati erogati circa 1000 litri di acqua, e si è evitato l’utilizzo di oltre 1900 bottigliette di plastica da mezzo litro corrispondenti ad altrettanti rifiuti.

Contenuto sponsorizzato
Scroll Up