Home > Ultima ora sport > Basket Rimini, l’ultimo bicchiere

Basket Rimini, l’ultimo bicchiere

Mai così pochi noi, 52 minimo stagionale, (quasi) mai così tanti loro.

Troppo deconcentrati e rammolliti noi e oggettivamente troppo forti in difesa, precisi in attacco e sempre estremamente reattivi loro.

Maggior divario assoluto in stagione (-34) che ci sta tutto e conferma che se dopo 24 gare i cremaschi sono secondi un motivo c’è, anzi più di uno e li abbiamo visti tutti, già dopo 2 minuti la gara era incanalata in un percorso senza speranza coi nostri avversari che ci credevano mentre noi no.

E dire che qualche speranza l’avevamo nutrita. Se non altro per il ritorno in quel 105 dove esordimmo nella prima bella stagione di serie B 2011/12, ma anche in quella occasione non fu un gran esordio perdendo da Roncade e, ironia della sorte, segnando solo 47 punti!

Da un punto di vista offensivo siamo tornati indietro alle deludenti prestazioni casalinghe contro Reggio Emilia (53 punti) e Faenza (59 punti), ma a differenza di quelle sconfitte della quali fummo ampiamente complici questa volta Il nostro avversario se l’è vinta da solo ed autorevolmente senza darci la minima opportunità. Naturalmente l’atteggiamento evanescente delle ultime uscite ha fatto il resto alimentando la nostra classica condizione mentale da partita fuori casa che volenti o nolenti ci toccherà masticare anche per le prossime occasioni. Non è una scusante ma noi siamo fatti così, ci svegliamo tardi e la paghiamo carissima.

Più che mai in questa occasione non è opportuno esprimere valutazioni individuali a parte la reazione di Moffa, doverosa da segnalare ma purtroppo in parte avvenuta in quello che gli americani chiamano Garbage Time. Ma non è certo colpa sua, anzi sinceri ringraziamenti per avere limitato i danni.

Lasciamo stare i “bicchieri” e pensiamo solo a quell’undicesimo posto che dovremo agguantare tutti insieme: staff, giocatori e pubblico.

Con questo intervento termina anzitempo il bicchiere mezzo pieno a causa di seri problemi famigliari che mi portano a pensare a tutt’altro. Cercherò di essere presente alle prossime partite casalinghe, ma nulla di più.

Ringrazio tutti coloro che mi hanno seguito ed in particolare le testate web che ospitano i miei “deliri” settimanali. Comunque vada il Basket Rimini CRABS, senza dimenticare NTS, resta nel cuore ed il bicchiere sempre e comunque mezzo pieno.

Daniele Bacchi

Scroll Up