Home > Cronaca > Bellaria, serre agricole zeppe di rifiuti pericolosi, carrozziere denunciato dalla GdF – il video

Bellaria, serre agricole zeppe di rifiuti pericolosi, carrozziere denunciato dalla GdF – il video

Discarica abusiva della campagna di Bellaria. La Guardia di Finanza di Rimini ha individuato nei dintorni di Bellaria-Igea Marina un terreno agricolo di circa 2.000 mq di fatto adibito a deposito di rifiuti speciali e pericolosi, completamente irregolare ed privo di qualsiasi autorizzazione.

Nel terreno c’erano tre serre agricole prive di copertura e una ingente quantità di rifiuti accatastati alla rinfusa, esposti alle intemperie ed abbandonati
direttamente sul terreno privo di impermeabilizzazione. Oltre 1.000 metri cubi di materiale fra cataste di pneumatici, plastica, veicoli fuori uso, parti di ricambio, materiali derivanti da apparati elettrici ed elettronici, motori esausti non bonificati, quantitativi imprecisati di tamponamenti in alluminio, bombole gpl ed imballaggi in materiale plastico.

I militari del Nucleo Operativo del Gruppo di Rimini hanno scoperto anche numerose lastre ondulate in Eternit contenenti amianto per un quantitativo di circa 400 kg. Perfinio il sottofondo della pavimentazione stradale di accesso al terreno agricolo è risultata essere costituita da rifiuti inerti di vario genere, provenienti da demolizioni.

Per questo motivo i Finanzieri hanno proceduto a sottoporre a sequestro l’intera area di 2.000 metri quadrati in cui erano illecitamente stoccati i rifiuti ed a denunciare il
proprietario del terreno e l’affittuario, quest’ultimo titolare di una carrozzeria con sede in Bellaria-Igea Marina, ai quali è stato contestato, in concorso, il reato, previsto dalla legislazione ambientale, di abbandono, gestione e deposito di rifiuti su suolo agricolo.

I due sono stati denunciati altresì per il cambio di destinazione d’uso del terreno e per la realizzazione della pavimentazione di accesso all’area senza titolo edilizio abilitativo.

Ecco il video girato dai Finanzieri durante l’operazione:

Scroll Up