Home > Ultima ora sport > Crabs, Caroli: “Obbiettivo salvezza, ma credo nei playoff”

Crabs, Caroli: “Obbiettivo salvezza, ma credo nei playoff”

Matteo Caroli è nato il primo gennaio 1995 a Rovereto, è alto 192 cm per 84 kg. Ecco una sua mini intervista di Mikael Distnate:

Come hai iniziato con il basket?

«Avevo cinque anni quando mio babbo ha iniziato a portami con sé in palestra quando allenava e io mi mettevo sempre fuori dal campo a giocare con la palla».

Squadra preferita?

«Los Angeles Lakers».

Il giocatore più forte?

«Kobe Bryant».

Il compagno che vorresti avere?

«Manu Ginobili».

In campo ti ispiri a..?

«Lebron James».

Obiettivi della stagione?

«A livello individuale vorrei riuscire a migliorare la mia pallacanestro in generale ma soprattutto le scelte offensive, mentre come squadra prima di tutto la salvezza, ma io credo in un posto nei playoff».

Come ti trovi a Rimini?

«E’ una città molto bella, sono riuscito a girare un po’ sotto Natale e ho apprezzato molto il centro storico. Spero che i tifosi ci riescano a dare più supporto e a credere in noi».

Il tuo punto forte?

«Sono testardo, quando voglio una cosa faccio di tutto per ottenerla».

Cosa dovresti migliorare?

«Devo essere più severo con me stesso».

Cosa vi è mancato per vincere a Lecco?

«Purtroppo ci è mancata un po’ di lucidità nel finale, anche perché, senza Charlie e con Tiberti fuori per falli eravamo tutti un po’ stanchi. Avremmo dovuto essere più cattivi a rimbalzo, nonostante il gap fisico a nostro svantaggio avremmo potuto fare meglio e questo alla fine è stato determinante».

Cosa sarà necessario fare per vincere contro Vicenza?

«Dovremo cercare di annullare i loro lunghi e di coprire il contropiede, mentre in attacco giocare di squadra e passarci la palla, muovendoci bene e correndo in contropiede, come facciamo ogni giorno in palestra».

Scroll Up