Home > La puèšia ad Muratori > Cum ch’us fa la pièda

Ènca una non laurèèda,
la pò fè una pièda,
la n’à bšägn d’aiut,
l’è cumè fè un starnud.

La pièda cum ch’us sà,
l’è sa pòc che las fà,
cume e’ cóc l’è antiga,
per fèla u n’è fadiga.

Ui vò un chél d’ farèina,
cla bènca e menca fèina,
un bicèr d’aqua, e’ sèl,
e ad òglie dó tré cucèr.

O sinò mèz èt d’ strót,
che ‘na vòlta i druvèva tót,
isé la véin mèj cundida,
e un bèl po’ pjó sapurida.

Tla pièda e’ lèvde un gni va,
nu mitìl per carità,
ad bicarbonato un po’,
che quèl invèci ui vò.

Per impastè la farèina,
un s’ dròva la furzèina,
l’è mej fè s’al dédi,
basta che al sia pulidi.

L’impast bšägna smnèl,
per fè e’ spas e i spasèl,
che sè sciadur i vèin tirat,
finch’jè lérg cume un piat.

A còš la pièda us fà prèst,
basta mètla sóra e’ tèst,
ad fèr o ad tèracòta,
du ch’la vèin un po’ pjó sóta.

Quand la è se tèst la pièda
la à da ès sfuracièda,
zirata cuntinuamént,
e arvultèda ti dó i chènt.

Quand la è còta béin,
l’as mèt quèrta t un zistèin,
che sina la s’ingianghès,
e a magnèla lan s’gradès.

Ivano Aurelio Muratori

COME SI FA LA PIADA

Anche una non laureata,/ può fare una piada,/ non ha bisogno di aiuto,/ è come fare uno starnuto.

La piada come si sa,/ è con poco che si fa,/ come il cucco è antica,/ a farla non è fatica.

Ci vuole un chilo di farina,/ quella bianca e meno fine,/ un bicchiere d’acqua, il sale,/ e di olio due tre cucchiai.

O se no mezz’etto di strutto,/ che una volta adoperavano tutti,/ così viene meglio condita,/ e un bel po’ più saporita.

Nella piada il lievito non ci va,/ non mettetelo per carità,/ di bicarbonato un po’,/ che quello invece ci vuole.

Per impastare la farina,/ non si adopera la forchetta,/ è meglio fare con le dita,/ basta che siano pulite.

L’impasto bisogna rimenarlo,/ per fare lo “spas” e gli “spasél”/ che col matterello vengono tirati,/ finché son larghi come un piatto.

A cuocere la piada si fa presto,/ basta metterla sul testo,/ di ferro o di terracotta,/ dove viene un po’ più asciutta.

Quando è sul testo la piada,/ deve essere sforacchiata,/ girata continuamente,/ e rivoltata nei due lati.

Quando è cotta bene,/ si mette coperta nel cestino,/ che se no diventa gommosa,/ e a mangiarla non si gradisce.

Ultimi Articoli

Scroll Up