Home > Intervista > Il Pokè di Waikiki, il primo ristorante hawaiano d’Italia nasce a Rimini

Il Pokè di Waikiki, il primo ristorante hawaiano d’Italia nasce a Rimini

“Rimini batte Milano”, “La riviera romagnola sventola il suo primato”: sono solo alcuni dei titoli che questi giorni stanno descrivendo la nostra riviera primeggiare su tutti. Il motivo? La buona tavola, tanto per cambiare.
Questa volta però non per la rinomata tradizione, ma per qualcosa di innovativo, che arriva addirittura dall’altra parte del pianeta: il Poké di Waikiki.

Il poké è uno dei piatti più tradizionali delle isole Hawaii. Un pasto nato, come capitò in Giappone con il sushi, dai pescatori. Quelli hawaiani misero insieme l’insalata di frutti esotici e il loro pescato giornaliero, tagliato appunto a “poké”.
Il taglio poké non è altro che il taglio “a cubetto”, un po’ come sushi indica il taglio a striscia.

Negli ultimi anni, il poké ha letteralmente rinnovato il concetto di pasto veloce negli USA, conquistando i consumatori per due semplici fatti: è delizioso ed è sanissimo.

Dalla California a New York, la poké mania si è espansa a macchia d’olio e oggi, a distanza di pochi anni, non c’è città americana che non riconosca il poké come “trendy-meal ” etichettandolo con i nomi più disparati, tra cui il più gettonato “the new sushi ” . 

Ora dagli States il piatto hawaiano sbarca direttamente a Rimini, nella centralissima Piazza Ferrari.

Gianluca Di Cecco, uno dei fondatori, spiega perché: «Io stesso, trasferitomi a Los Angeles dove avrei poi vissuto un paio d’anni lavorando come brand manager nella moda, arrivai come divoratore di “nigiri” e “temaki”. Ma una volta provata una bowl (ciotola) di poké fu amore a prima vista e da lì nacque Waikiki. Prima di lasciare LA e di tornare in Italia a fare impresa – una mossa ritenuta da pazzi dalle persone a me vicine – stetti altri sei mesi in California, dove oltre ai primi bozzetti di logo, business plan e quant’altro re-incontrai un amico di vecchia data, Giovanni, il mio attuale socio».

Ma perché portare un piatto hawaiano in Italia?E perché proprio a Rimini?

«Fin da subito la nostra idea è stata quella di replicare il poké in Italia. Per due motivi: primo,il desiderio di dimostrare che due ragazzi di 26 anni potessero creare un qualcosa di solido e concreto nel nostro Paese. Inoltre, considerato che ai tempi (l’anno scorso) non vi era alcuna realtà in Europa specializzata nel poké, fummo spinti dal voler portare un prodotto hawaiano sì, ma 100% Made in Italy: dalle materie prime agli artigiani con cui abbiamo creato ad hoc il nostro layout d’arredamento, puntando ad avere giovani dipendenti italiani per ribadire la nostra “missione” di ribaltare gli stereotipi ridondanti sull’impossibilità di fare impresa nel nostro paese.Abbiamo scelto così di far nascere WAIKIKI POKÉ a Rimini, capitale del wellness e del turismo  – vedi Booking.com che suggerisce il weekend a Rimini quando si parla di fine settimana fuori porta –  una città che potesse esprimere al meglio l'”hawaiianità” made in Italy garantendo la qualità massima del cibo che ogni giorno serviamo».

«Sono due le cose che fanno letteralmente innamorare i clienti di Waikiki Poké – prosegue il giovane imprenditore – Innanzi tutto la pulizia e senso di pace che si ha all’interno del nostro locale, come  solo in spiaggia; puoi avere la modalità d’ordine facile e veloce al nostro banco, dove le ragazze e i ragazzi Waikiki servono in 60 secondi ogni singolo cliente la bowl che preferiscono creare, Si può scegliere tra una base di risi o insalate, poké del miglior pesce sul nostro mercato, infinite combinazioni di condimenti. E poi si sono le nostre salse fatte in casa: che sì, creano “dipendenza”, ma sono senza zuccheri o additivi come sono soliti fare (alcuni) dei nostri cugini sushi giapponesi».

Waikiki Poké è aperto dal lunedì alla domenica, offrendo anche la consegna a domicilio per chi volesse la propria poké bowl comodamente a casa in ufficio o in spiaggia.

Per ulteriori info, il contatto INSTAGRAM / FACEBOOK è @waikikipoke; il sito: waikikipoke.it

Scroll Up