Home > Cronaca > La Ducati in vendita, Harley Davidson pronta ad acquistare

La Ducati in vendita, Harley Davidson pronta ad acquistare

Sono sempre più forti le voci che danno Ducati in vendita. Secondo quanto riferito da Reuters, Harley Davidson avrebbe infatti dato mandato a Goldman Sachs per gestire un’offerta per la casa motociclistica posseduta da Audi (gruppo Volkswagen), valutata sino a 1,5 miliardi di euro.

Ducati sarebbe anche nelle mire del produttore indiano di motociclette Bajaj Auto e di vari fondi di private equity come Kkr, Bain Capital e Permira, con le offerte preliminari che sono attese a luglio.

Ma appare in vantaggio proprio la casa americana. D’altra parte Harley Davidson e Ducati sono i due marchi di motociclette più conosciuti negli Stati Uniti. La prima domina il mercato, la seconda è identificata come la sportiva per eccellenza e proprio oltreoceano ha le maggiori vendite. La “Ferrari delle due ruote” conta negli States migliaia di fedelissimi appassionati, fan club e collezionisti che custodiscono gelosamente ogni modello dalla casa di Borgo Panigale. E non solo negli Usa: lo stesso avviene  in Giappone, in tutta Europa e da qualche anno in Russia, un mercato in vigorosa espansione.

Ducati ha festeggiato nel 2016 i 90 anni della sua fondazione con un una serie di iniziative partite da Misano, durante la World Ducati Week che dall’1 al 3 luglio ha visto giungere i riviera tutti i campioni del Team migliaia di fedelissimi.

Il matrimonio con Harley Davidson rappresenterebbe per Ducati un ritorno all’antico. Infatti le storie dei due marchi si erano già intrecciate a metà degli anni ’80, quando la casa bolognese era stata acquistata dalla Cagiva, che produceva e commercializzava i modelli HD in Italia. Fu proprio in quel decennio che nacquero modelli da leggenda come il Monster e la Ducati Paso, creata dal geniale designer riminese Massimo Tamburini in onore del concittadino Renzo Pasolini. La stessa Cagiva era poi stata acquistata dalla Harley Davidson, mentre Ducati nel 1996 era finita alla Texas Pacific Group, che la tenne per altri 10 anni.

Audi, che aveva acquistato Ducati nel 2012 per 860 milioni, l’ha messa in vendita nell’ambito della riorganizzazione aziendale voluta dal nuovo ad Matthias Muller, rivolgendosi alla banca d’investimento Evercore per avere una valutazione della società.

I numeri di Ducati continuano a essere positivi: sette anni consecutivi di crescita con ricavi per 731 milioni di euro nel 2016, un anno da record in fatto di vendite con 55.451 esemplari (+1,2% rispetto al 2015) e sette nuovi modelli previsti per quest’anno. Volkswagen, travolta dallo scandalo Dieselgate e intenzionata a concentrare i propri investimenti futuri sulle auto elettriche, ha deciso comunque di vendere e i numeri le danno ragione.

La valutazione di 1,5 miliardi di euro vale 14-15 volte gli utili operativi. Una quota significativa, anche se inferiore a marchi di lusso come la Ferrari che viaggiano a una valutazione 30 volte superiore agli utili.

Scroll Up