Home > Economia > Lavoro. Preoccupazioni ed aspettative dei riminesi

Lavoro. Preoccupazioni ed aspettative dei riminesi

Il lavoro continua ad essere un problema per le famiglie degli italiani.

Una quota consistente, circa la metà, è colpita da problematiche legate all’occupazione. Il rischio di perderlo, la difficoltà a trovarlo, la cassa integrazione o l’estero come opportunità obbligata.

Abbiamo svolto il sondaggio della settimana proprio per capire come, nella realtà riminese, viene percepito e soprattutto vissuto quotidianamente il problema del lavoro: per chi lo cerca o per chi è preoccupato di perderlo.

lavo11

Solo un 12% ritiene che vi siano maggiori opportunità di lavoro rispetto ad un anno fa. Netto chi pensa il contrario (oltre il 50%).

D’altra parte in provincia di Rimini si segnala una diminuzione dell’occupazione nel settore alberghiero, nel commercio. Contemporaneamente i voucher sono oltre ai 2 milioni (la metà utilizzati nel turismo) la gran parte venduti in tabaccheria. Non è solo una percezione: aumenta la precarietà e viene percepita e vissuta in modo netto.

lavoro21

Come si vede quasi il 60% pensa che negli ultimi 5 anni la precarietà sia aumentata.
Non va meglio con il lavoro nero.

lavoro31

Anche in questo caso netta è la prevalenza di chi ritiene che sia aumentata l’illegalità.

Nessuna ancora mette sul banco degli accusati la riforma del lavoro. C’è attesa ma anche un giudizio non positivo.

lavoro41

C’è attesa prima di dare un giudizio definitivo sul jobs act (oltre il 45%) ma una % poco più bassa pensa che non abbia cambiato nulla o peggiorata la situazione.

In questo contesto evidente che cambia l’immagine del lavoro preferito. Sempre maggiore è l’aspirazione ad un lavoro sicuro. Quando si parla di lavoro sicuro si pensa al dipendente pubblico.

lavoro51

Dopo al lavoro sicuro (dipendente pubblico)  arriva il lavoro in proprio. Insomma non sotto “padrone” nel senso classico. E se proprio deve essere alle dipendenze meglio la grande azienda che la piccola.

Ma chi difende i lavoratori? Risposta non semplice

lavoro61

Come si vede i luoghi classici (sindacati, politica, istituzioni) sono visti lontani, o quanto meno non vicini,  sul fronte del lavoro.
Il sistema sociale di maggiore difesa è la famiglia. E’ la famiglia l’ammortizzatore sociale più efficace.
A seguire gli altri. I sindacati al secondo posto, la politica bocciata (in particolare i partiti di centro sinistra)

Sono dati che consegnano una riflessione a tutti. Nessuno escluso. La politica, nel senso ampio del termine deve ripartire dal lavoro.

Sondaggio realizzato ed elaborato da Chiamamicitta.it.
Data o periodo in cui è stato realizzato il sondaggio: 19 – 27  gennaio 2017
Data di pubblicazione o diffusione: 28/1/2017 sito web
Campione casuale di 325 interviste utili rappresentativo della popolazione dei comuni costieri, maschi e femmine dai 18 anni in su, segmentato per sesso, età e attività

Scroll Up