Home > La puèšia ad Muratori > L’incrichèda

Adèss te mèz dl’instèda,
am sò ciap un’incrichèda,
dòp ch’a sò arvàt ma sèt,
a sò inciudèd té lèt.

Di tènt in tènt um suzèd,
mo e’ mi dutór un mi crèd,
e’ diš ch’a sò fóra ad tèsta,
che mal ròbi ai faz la crèsta.

A jò dét: sé bònaséra!
A ve zur ch’l’è véra,
dmandè infurmaziòun,
ch’iv girà: ui dà dabon!

Sicóm un s’è cunvint,
ló un m’à vlù dè gnint,
u m’à dét s’un pasa,
u ti vò te lèt un’asa.

La mi möj, per e’ mi bèin,
la m’à tòlt e’ Voltaren,
la m’à fat ‘na ciarèda,
s’una mèza ragnèda.

La nòta tai vò dè fort,
e e’ dé dòp t fè e’ mòrt,
ma la schina ai pèins mè,
tè nu fan mai pjó d tré.

Tènimòdi tan li rèz,
e ut pò capitè ad pèz,
d’na séplic incrichèda,
isé a sèm ma la strèda.

Mè an la šmèt, de dutór,
an vag pjó fina ch’a mòr
e per arspònd pu ma tè,
mè ai dag fin ch’ò e’ fiè!

Ivano Aurelio Muratori

L’INCRICCATA

Adesso nel mezzo dell’estate,/ mi sono preso un’ incriccata,/ dopo che sono arrivato a sette,/ sono inchiodato nel letto.

Di tanto in tanto mi succede,/ ma il mio dottore non mi crede,/ dice che sono fuori di testa,/ che alle cose ci faccio la cresta.

Gli ho detto: sì, buonasera,/ ve lo giuro che è vero,/ domandate informazioni,/ che vi diranno: ci dà davvero!

Siccome non si è convinto,/ non mi ha voluto dare niente,/ mi ha detto se non passa,/ ti ci vuole nel letto un’assa.

Mia moglie, per il mio bene,/ mi ha preso il Voltaten,/ mi ha fatto una chiarata,/ con una mezza litigata.

La notte ci vuoi dar forte,/ e il giorno dopo fai il morto,/ alla schiena ci penso io,/ tu non farne mai più di tre.

Tanto non le reggi,/ e ti può capitare di peggio,/ di una semplice incriccata,/ così siamo alla strada.

Io non la smetto, dal dottore,/ non vado più finchè muoio,/ e per rispondere poi a te,/ io ci dò finchè ho il fiato!

Ultimi Articoli

Scroll Up