Home > Ultima ora politica > Non c’è pace per Giulia Sarti, accusata falsamente anche per una borsa

Non c’è pace per Giulia Sarti, accusata falsamente anche per una borsa

Non saranno i guai peggiori che Giulia Sarti deve affrontare, ma succede perfino questo: un tweet di tale Francesco JGiannotta che la mette sotto accusa per una borsa:

In effetti quella ritratta nella foto pare essere una borsa “Hermes Birkin 35 black”, che costa fra i 6.800 e i 9 mila euro. Ma a smontare lo “scandalo” interviene il blogger David Puente, “cacciatore di bufale” che peraltro nel ha già snidate parecchie in area pentastellata. Questa volta, però, ad essere falsa non è solo la notizia, ma anche la borsa.

“Nella borsa in mano a Giulia Sarti – osserva Puente – manca qualcosa e ci sono degli elementi che fanno comprendere che non sia propriamente il costoso modello”:

“Come potete notare dalle due foto a confronto – prosegue il blogger – a sinistra quella della borsa in possesso dalla Sarti e a destra quella presa dal negozio online, in quella della deputata manca la scritta “Hermes Paris Made in France” e la base della chiusura ha una forma rettangolare orizzontale contrariamente a quella verticale dell’originale“. Inoltre ci sono differenze anche in altri dettagli.

Conclusione: “Sembra di rivivere la storia del maglione di Agnese Renzi. Quella della Sarti potrebbe essere una semplice imitazione (“tarocco“) come ne esistono un po’ ovunque e comprata in qualche negozio, ma non è quella citata nel tweet. Bisogna fare attenzione a non cadere in queste polemiche utilizzando elementi che possono risultare scorretti, atteniamoci tutti alle carte e ai fatti documentati che già bastano e avanzano”.

Scroll Up