Home > Ultima ora cronaca > ‘Non una di meno’: “Boicottiamo il Caffè Commercio, è filofascista”

‘Non una di meno’: “Boicottiamo il Caffè Commercio, è filofascista”

Dopo che ieri i manifestanti di Forza Nuova si sono fermati al Caffè Commercio, storico bar riminese in piazza Ferrari, l’associazione “Non una di meno” lancia la proposta: boicottare il locale. Per gli esponenti dell’associazione, infatti, il permissivismo dei gestori del bar nei confronti dei forzanovisti è qualcosa di intollerabile. A sostenerli, ci sono anche i militanti del centro sociale Casa Madiba.

“Ieri pomeriggio Piazza Ferrari, Palazzo Fabbri e i riminesi sono stati ostaggio per ore di un centro militarizzato – dicono da ‘Non una di meno’.

La responsabilità di quanto successo, per il gruppo, è proprio da attribuire al Caffè Commercio, che ha ospitato, per la terza volta, un’iniziativa pubblica di Forza Nuova, con la partecipazione di Roberto Fiore, terrorista nero, condannato per eversione, leader nazionale di una organizzazione neofascista che in cinque anni è stata denunciata per violenza 240 volte”.

Il movimento femminista ha quindi deciso di promuovere la “Call for action”, un’iniziativa rivolta ai cittadini che ha lo scopo di sabotare il noto locale di Piazza Ferrari. Come?  

Evitando di consumare cibi o bevande del locale, diffondendo la voce di quanto successo e, infine, scrivendo sulla pagina Facebook del locale una recensione negativa, motivandola con commenti del tipo “Boicotto il Caffè Commercio perchè ha ospitato in diverse occasioni un’organizzazione neofascista come Forza Nuova e Roberto Fiore, terrorista nero, condannato per eversione, leader nazionale dell’organizzazione neofascista..” o “Boicotto il Caffè Commercio perchè sono amici di Forza nuova, organizzazione neofascista che strumentalizza il tema della violenza maschile sulle donne per alimentare e giustificare discorsi e azioni che seminano l’odio razzista e sessista. Nessuno spazio alle organizzazioni neofasciste nella nostra città!“.

Le attiviste di ‘Non una di meno’ hanno fatto sapere che in seguito al lancio di “Call for action” il bar ha tolto la possibilità di fare commenti sulla sua pagina Facebook. Quindi esortano chi fosse interessato a prendere una posizione a riguardo a rilasciare recensioni sul sito TripAdvisor.

 

Scroll Up