Home > Ultima ora politica > Riccione, De Pascale, Conti, Ubaldi: “Voteremo Pizzolante”

Riccione, De Pascale, Conti, Ubaldi: “Voteremo Pizzolante”

Tre personaggi politici direttamente coinvolti nelle ultime elezioni amministrative, espongono le ragioni per cui voteranno, alle prossime elezioni politiche, l’esponende candidato nel PD:

Voteremo l’On.le Sergio Pizzolante perché ne abbiamo conosciuto e apprezzato la serietà, la competenza e la capacità da vicino, molto da vicino.

E’ indubbio che l’exploit delle scorse elezioni riccionesi, dove Patto Civico Riccione Oltre è risultato esser il secondo partito a Riccione raggiungendo a soli due mesi dalla sua nascita il 15% dei voti (per dare la misura: la Lega Nord è arrivata appena oltre al 5%….) lo si è sicuramente dovuto all’impegno ed all’entusiasmo profuso dai candidati e dai simpatizzanti, ma l’idea di costruire una forza moderata di centro, è stata tutta di Sergio Pizzolante.

Voteremo Sergio perché riteniamo che la sua esperienza e il suo equilibrio, in una parola la sua cifra politica, siano l’unico argine possibile al populismo dilagante, al salto nel buio ed alle derive anche xenofobe che vengono rappresentate dai suoi competitor.

Pizzolante ha fatto moltissimo per il nostro territorio, basti pensare all’enorme lavoro profuso per porre rimedio ai rischi della Bolkestein, che ha consentito ai balneari di continuare a gestire le proprie attività, ed allo stesso tempo ha evitato all’Italia una procedura d’infrazione da parte della UE. Tutte le altre leggi, in particolare regionali, con le quali si è voluto vendere fumo sono miseramente crollate al vaglio delle aule di giustizia. Quel prezioso lavoro durato anni deve esser portato a termine, e una materia così vitale per il nostro territorio e la nostra economia non può esser lasciata in mano a chi urla “No alla Bolkestein” senza rendersi conto che ciò significa dire “No all’Europa”, facendo rischiare all’Italia intera un isolazionismo deleterio per le sorti economiche e sociali del nostro Stato.

C’è bisogno in Parlamento di politici veri, di persone capaci, e non di dilettanti allo sbaraglio; il voto uninominale consente di arrivare in Parlamento a chi prende un voto in più dei suoi avversari, e contribuendo all’affermazione di Sergio Pizzolante potremo raggiungere l’obiettivo di premiare la competenza e scongiurare il rischio di mandare a Roma chi sa solo urlare falsità ed illusorie quanto evanescenti soluzioni salvifiche ai tanti problemi che attanagliano la nostra amata Italia.

Forza Sergio, siamo con te!

Scroll Up