Home > Ultima ora economia > Rimini: è di 300mila euro il contributo del Comune all’Università

Rimini: è di 300mila euro il contributo del Comune all’Università

Ammonta a 305.760 euro la quota che l’Amministrazione Comunale è chiamata a versare in qualità di socio di Uni.Rimini spa, la Società Consortile per l’Università nel riminese. Nell’ultima assemblea Generale dei Soci Uni.Rimini ha deliberato il bilancio di previsione 2018, il quale prevede una contribuzione dei soci pari a 1,2 milioni complessivi, da ripartirsi in proporzione alla percentuale di partecipazione al capitale sociale. Per il Comune di Rimini, che dal 2017 detiene una quota di capitale sociale pari al 25,48%, la quota di competenza risulta pari a €. 305.760 euro. Con una determina dirigenziale, il Comune ha stanziato il versamento della prima tranche, pari a 122.304 euro (40%), così come stabilito dall’Assemblea dei soci; il restante 60% sarà suddiviso in altre due tranche, entrambe del valore a 91.728 euro. Il Comune di Rimini conferma dunque l’impegno sull’Università e sulla ricerca per il territorio, con un maggiore investimento economico che si è tradotto in un aumento di quote, passato dal 20% di due anni fa al 25,48% attuali.

Il Comune ha scelto di aumentare la compartecipazione al sostegno di UniRimini – sottolinea l’assessore alle Partecipate Gian Luca Brasini – in un contesto in cui la società ha ridotto i costi in maniera consistente, rendendo quindi sostenibile il futuro nonostante l’intenzione di recedere manifestata da alcuni soci. Un impegno che sosteniamo con convinzione poiché crediamo che l’Università abbia un ruolo imprescindibile nello sviluppo economico dei territori e nel consolidamento e nel progresso delle comunità dove l’Università di radica. Pare quasi banale ribadire quale volano l’università rappresenti per Rimini eppure ancora c’è chi non riesce a coglierne la valenza, accennando passi indietro poco lungimiranti quando invece servirebbe uno scatto in avanti. Il Comune di Rimini ha fatto la sua parte e continuerà a farlo, perché l’Università rappresenta un investimento nel senso stretto della parola: si tratta di impegnarsi oggi per raccoglierne domani i frutti, per costruire su basi solide il futuro del nostro territorio. Credere nell’Università è un atto di responsabilità”.

Scroll Up