Home > Ultima ora politica > Rimini, decreto “Periferie”, Alberto Vanni Lazzari: “Ci auguriamo che il Governo torni sui propri passi”

Rimini, decreto “Periferie”, Alberto Vanni Lazzari: “Ci auguriamo che il Governo torni sui propri passi”

Una dichiarazione di Alberto Vanni Lazzari, Segretario PD Città di Rimini, sull’emendamento “periferie” che ha cassato i 18 milioni per Rimini Nord:

Il governo gialloverde, o verdegiallo che dir si voglia, vorrebbe mettere mano al cosiddetto bando periferie, 1.6 miliardi di euro contro il degrado e per la trasformazione di 96 città, tra cui Rimini. Nella nostra città, come in tante altre, non solo quelle a guida Partito Democratico, c’è il rischio di perdere una grande opportunità.

Mettere a rischio i finanziamenti già stanziati per la riqualificazione delle aree più problematiche delle nostre città è assurdo e avrà una ricaduta immediata e negativa sui cittadini.

I cittadini, nel caso dell’area di Rimini Nord, sono stati i protagonisti di un processo partecipativo e di ascolto, promosso dall’amministrazione e dal Partito Democratico con una serie di assemblee che hanno portato all’approvazione di un progetto definitivo ampio e articolato, come dimostra l’impegno concreto di altri enti come le Ferrovie che metteranno a disposizione 5.5 milioni per la realizzazione di un sottopasso.

Ci auguriamo che maggioranza e Governo tornino sui propri passi altrimenti sarà battaglia durissima.

Siamo sicuri che in una prospettiva di interesse comune, anche le opposizioni locali siano con noi in questa battaglia per la città, e mettano da parte l’infinita ansia da prestazione elettorale, le polemiche sterili e pretestuose. Al di là delle magliette indossate nell’agone politico.

Con i nostri Circoli andremo tra la gente per accogliere lo sdegno di chi ha contribuito a rendere idee, aspettative per una città più bella e riqualificata, in azioni concrete e realizzabili.

Sul voto unanime anche dei senatori PD, non ci sono spiegazioni plausibili se non quello, nel migliore dei casi, di un afoso abbaglio collettivo. Chiederemo certamente ai deputati del PD alla camera di non votare questo emendamento, perché non deve diventare norma. Non giriamo la testa dall’altra parte. E’ l’ennesimo segnale del bisogno immediato di un congresso ri-fondativo, e di investire sulla formazione di una nuova classe dirigente motivata e preparata”.

Alberto Vanni Lazzari, Segretario PD Città di Rimini

Scroll Up