Home > Ultima ora economia > Rimini, Federconsumatori: “Inaccettabile l’aumento dei costi degli abbonamenti scolastici”

Rimini, Federconsumatori: “Inaccettabile l’aumento dei costi degli abbonamenti scolastici”

Un comunicato di Enrico Pecorari, Presidente di Federconsumatori sulla politica dei prezzi applicata da Start Romagna:

Federconsumatori Rimini ancora una volta scende in capo a tutela dei cittadini. 

Contenuto sponsorizzato

Questa volta sotto la lente d’ingrandimento è finita nuovamente Start Romagna, la società di gestione del trasporto pubblico della Provincia di Rimini.

L’Associazione infatti ha ricevuto delle segnalazioni circa il rinnovo degli abbonamenti scolastici, che hanno subito degli aumenti consistenti anche nell’ordine del 30% circa.   

Tutto questo è dovuto alla trasformazione dell’abbonamento scolastico in abbonamento annuale.

Federconsumatori è al fianco delle famiglie che si sono ritrovate a sborsare cifre considerevoli per garantire il trasporto pubblico ai propri figli.

Questa politica, che penalizza economicamente le famiglie invece di sostenerle, garantendo il diritto allo studio è di segno contrario rispetto a quanto affermato in più occasioni dalle amministrazioni comunali. 

Federconsumatori Rimini non è contraria ad incentivare l’utilizzo dei mezzi pubblici anche nei mesi estivi ma allo stesso tempo non si può obbligare le famiglie a pagare l’abbonamento per tutto l’anno senza lasciare la possibilità di scelta tra abbonamento scolastico e abbonamento annuale.

Federconsumatori richiama i Comuni e la società Start alla correttezza nei rapporti, in quanto determinate decisioni dovrebbero essere prima sottoposte per un giuduizio alle Associazioni dei Consumatori.

Alla luce di questo, Federconsumatori, fedele alla propria mission chiede ai Comuni di rivedere tale scelta e di aprire un tavolo di discussione a livello provinciale con le Associazioni dei Consumatori”.

Enrico Pecorari, Presidente Federconsumatori Rimini

Scroll Up