Home > Appuntamenti > Santarcangelo: mercoledì, solstizio d’estate, iniziativa dedicata a Augusto Campana

Santarcangelo: mercoledì, solstizio d’estate, iniziativa dedicata a Augusto Campana

Anche Santarcangelo celebra il giorno più lungo dell’anno con un appuntamento culturale da non perdere. Mercoledì 21 giugno alla biblioteca comunale il solstizio d’estate verrà salutato con una serata dedicata allo scrittore e letterato Augusto Campana, nell’ambito delle tradizionali conferenze organizzate da biblioteca Baldini e Pro Loco, nonché all’interno del ciclo di incontri “I Maestri e il Tempo” curato da Alessandro Giovanardi per la Fondazione Cassa di Risparmio di Rimini.

Nel corso della conferenza – con inizio alle ore 21 – sarà presentato il secondo volume degli scritti di Campana dal titolo “Biblioteche, codici ed epigrafi” (Edizioni di Storia e Letteratura, Roma, 2017) a cura di Rino Avesani, Michele Feo ed Enzo Pruccoli (il volume è stato presentato di recente anche alla biblioteca Ambrosiana di Milano). All’incontro parteciperanno due studiose d’eccezione: la storica delle biblioteche Franca Arduini, già direttrice della biblioteca medicea-laurenziana e Daniela Gionta, filologa e paleografa presso l’Università di Messina. Sarà presente Rino Avesani, uno dei curatori del volume.

Nel 2017 è stata completata l’edizione monumentale degli scritti di Augusto Campana, storico, filologo ed epigrafista di fama internazionale che ha onorato la sua terra studiandone e difendendone le opere d’arte, le testimonianze storiche e le importantissime biblioteche. Come di consueto per il solstizio d’estate, la città di Santarcangelo torna quindi a omaggiare un’altra eccellenza culturale locale: dopo la conferenza dedicata a Guido Cagnacci, brillantemente tenuta dal professor Pier Giorgio Pasini il 12 maggio scorso, Pro Loco e biblioteca Baldini hanno deciso di ricordare il sommo studioso Augusto Campana. Professore alla Normale di Pisa e alla Sapienza di Roma, Campana fu anche finissimo esperto di letteratura medioevale e umanistica. Con 30mila volumi, 15mila opuscoli e un voluminoso insieme di carte di studio, epistolari e carteggi, la sua biblioteca – riconosciuta con decreto ministeriale per il suo valore – è stata acquistata dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Rimini di cui Campana era stato socio fondatore e dal 2010 depositata presso la biblioteca Gambalunga.

L’iniziativa – nel corso della quale sarà possibile acquistare il volume – è organizzata da biblioteca, Pro Loco e Fondazione Carim, con il patrocinio dell’Istituto per i beni artistici culturali e naturali della Regione Emilia-Romagna e in collaborazione con l’ufficio scolastico provinciale di Rimini.

 

Augusto Campana (Santarcangelo di Romagna, 1906-1995) è stato scrittore della Biblioteca Apostolica Vaticana, professore incaricato (dal 1951) alla Scuola Normale di Pisa; dal 1960 professore di ruolo nelle Università di Urbino e dal 1965 al 1976 presso la «Sapienza» di Roma. Tra i suoi allievi ricordiamo Carlo Ginzburg, Salvatore Settis, Lina Bolzoni. Storico, erudito, filologo e studioso delle biblioteche, fu un finissimo esperto di letteratura medioevale e umanistica, lasciando importanti contributi di paleografia latina, epigrafia medievale, filologia romanza e umanistica, iconografia, codicologia. La sua opera monumentale ma disseminata è ora quasi interamente pubblicata dalle prestigiose Edizioni di Storia e Letteratura di Roma nei tre grandi volumi degli Scritti a cura di Rino Avesani, Michele Feo ed Enzo Pruccoli. Le edizioni romane hanno dato alle stampe anche i suoi preziosi appunti di guerra, esempio nobilissimo di civismo nella difesa dei beni artistici e culturali, Pietre di Rimini. Diario archeologico e artistico riminese dell’anno 1944, edito nel 2013 a cura della figlia Giovanna Campana e con la postfazione di Rosita Copioli.

Info:

0541 356299

biblioteca@comune.santarcangelo.rn.it.

Scroll Up