Home > Ultima ora politica > Sicurezza a Rimini. 300mila euro per la gestione eventi e i new jersey

Sicurezza a Rimini. 300mila euro per la gestione eventi e i new jersey

“Apprendiamo con grande interesse – ha commentato l’assessore alla Sicurezza, Attività economiche, Lavori pubblici Jamil Sadegholvaaddel dibattito che, sul fronte dell’applicazione delle norme di sicurezza in occasione di eventi, è nato e si sta sviluppando in Regione”.

E’ un tema che da subito, dall’indomani della pubblicazione delle disposizioni dalla cosiddetta circolare Gabrielli in materia di ‘safety and security’, “ci coinvolge non senza preoccupazione. – prosegue l’assessore – Ciò perché è stato da subito chiaro come quelle norme, se applicate in maniera restrittiva e burocratica, senza un’analisi reale sul territorio e dei reali rischi, avrebbero avuto una ricaduta pesante sullo stesso svolgimento delle centinaia di manifestazioni, tra grandi e piccole, che caratterizzano il nostro territorio tutto l’anno, specie durante la stagione estiva. E’ una ricchezza a cui Rimini non può rinunciare perché componente di attrazione, arricchimento e accoglienza composta dai piccoli e grandi eventi che punteggiano il territorio, da Torre Pedrera a Miramare, dal centro alla collina”.

Per questo, già dal mese di marzo, l’amministrazione si è attivata “incontrando direttamente i comitati turistici e gli operatori, nell’ambito di un incontro promosso per illustrare la strategia d’azione che l’amministrazione ha messo subito in programma per consentire agli appuntamenti organizzati di svolgersi nel pieno della sicurezza, seguendo in maniera rigorosa le indicazioni e le prescrizioni che arrivano da Prefettura, Questura e forze dell’ordine”.

Per raggiungere questo il Comune ha già previsto la dotazione necessaria, da collocare e ‘movimentare’ in luoghi, piazze, strade in cui si svolgeranno le manifestazioni estive, stimata in 120 new jersey sulla base di una mappatura scrupolosa dei luoghi che abitualmente ospitano i piccoli e grandi eventi del programma di iniziative ‘Cento giorni in festa’. “Una dotazione – spiega Sadeghoolvad – per un costo di circa 300mila euro che il Comune di Rimini ha stanziato per la gestione pratica degli eventi del territorio e in particolare per la fornitura e il posizionamento dei new jersey capace di garantire e supportare lo svolgimento delle iniziative in sicurezza attraverso una programmazione sinergica tra pubblico e privato”.

“Uno sforzo straordinario messo a bilancio – ha continuato l’assessore Sadegholvaad – con cui l’Amministrazione si impegna a sollevare i comitati d’area e le associazioni più piccole da una spesa che avrebbe impattato sui loro budget, evitando così di compromettere eventi che per i Comitati stessi sono fondamentali sia sul piano economico sia sul piano della promozione. Non solo, è nostra intenzione nella prossime settimane presentare al consiglio comunale una modifica regolamentare per sollevare gli organizzatori di iniziative con valenza turistica, culturale, sociale, relazionale anche dei costi dei servizi della polizia locale, anch’essi previsti dalla nuova legislazione nazionale e che sono oggettivamente un peso per i comitati d’area, le pro loco, i singoli gestori di manifestazioni”.

Per questo seguiamo con attenzione l’evolversi del dibattito che si è sviluppato nell’Assemblea legislativa dell’Emilia-Romagna, che ha approvato oggi all’unanimità una risoluzione presentata che impegna la Giunta Bonaccini a farsi carico del problema a livello nazionale, per cercare di modificare la normativa, a cui non mancheremo di portare il nostro contributo nella speranza che, alla vigilia della stagione estiva, questa nuova attenzione acceleri. I tempi sono strettissimi ed è necessario farlo, bene e in fretta”. – conclude l’assessore.

Scroll Up