Home > Cronaca > Suicidio. L’ispettore spiega in una lettera il suo gesto

Suicidio. L’ispettore spiega in una lettera il suo gesto

Come era apparso, purtroppo chiaro sin da subito, il suicidio dell’ispettore di Polizia Municipale di Bellaria Attilio Sebastiani è legato all’indagine condotta dalla Guardia di Finanza di Rimini per i reati di abuso di ufficio e assenteismo dal posto di lavoro.

Proprio giovedì mattina, si doveva tenere l’interrogatorio davanti al gip di Rimini, come atto di garanzia per i quattro funzionari della Municipale di Bellaria indagati, prima dell’emissione delle misure interdittive, ossia la sospensione dal poso di lavoro.

E’ stato proprio questo a far prendere la drammatica decisione di farla finita. Non avrebbe sopportato due fatti: L’idea che venisse additato come un “furbetto del cartellino”, quando tutti coloro che lo conoscevano ne hanno sempre apprezzato come funzionario di polizia e come persona. Ma non ha sopportato neanche il fatto che l’indagine è partita proprio dall’interno della Polizia Municipale di Bellaria.

Attilio Sebastiani spiega il suo gesto in una lettera indirizzata alla moglie che è stata trovata sulla sua scrivania. Una pagina in cui giustifica il suo gesto alla moglie e le chiede di pensare lei ora alle due figlie. «Compio un gesto che non avrei mai voluto fare, ma non riesco a reggere le accuse che mi hanno mosso. Ecco perché mi uccido». 
E ’consapevole di fare un gesto estremo e per molti incomprensibile ma pensava che per lui non ci fosse più un futuro proprio per l’indagine.

Anche ieri nella sede della Polizia Municipale di Bellaria è stato tanto lo sconforto e l’incredulità di tanti suoi colleghi. Lo stesso comandante Cecchini (anche lui indagato) lo ha voluto ricordare come un vigile corretto, impegnato sul lavoro e sempre disponibile.

I funerali molto probabilmente si svolgeranno martedì prossimo.

Scroll Up