Home > Ultima ora cronaca > Rimini, pedala fuori della pista ciclabile: multato dai Carabinieri

Rimini, pedala fuori della pista ciclabile: multato dai Carabinieri

Multato perché pedalava in sella alla sua bicicletta sulla carreggiata e non sulla pista ciclabile. A incappare nell’insolita ma comunque giusta sanzione, qualche giorno fa, è stato un imprenditore riminese che quasi non ha creduto ai suoi occhi quando ha visto i visto i Carabinieri intimargli l’alt e fermarlo per procedere con la regolare verbalizzazione del procedimento.

E’ successo pochi giorni fa sulla Via Marecchiese nel tratto che percorre il centro di Rimini, dove pochi anni fa i recenti interventi di urbanizzazione promossi dal Comune hanno portato in dote anche una pista ciclabile in sede protetta.

Ma ripercorriamo esattamente quello che è successo.

Ebbene, come riporta il Correre Romagna il ciclista in questione sta pedalando sulla carreggiata opposta alla ciclabile che è invece attigua alla corsia percorsa dagli automobilisti che provengono dal centro di Rimini.

I Carabinieri se ne accorgono e in primo luogo gli indicano le strisce pedonali chiedendogli di attraversarle bici alla mano per immettersi sulla pista dedicata ai velocipidi. Il consiglio (o meglio la richiesta) viene ignorato e i militari implacabili gli presentano il conto: una multa da ventisei euro (che divetano 18 in caso di pagamento entro cinque giorni).

In un primo momento l’imprenditore non voleva credere alle proprie orecchie. Si è però dovuto arrendere all’evidenza della legge, per la precisione del codice della strada. Che all’articolo numero 182 recita puntualmente che i ciclisti non possono pedalare su una sede diversa dalla pista ciclabile qualora questa sia presente. (In poche parole, non ci sarebbero stati problemi se l’episodio fosse accaduto cinque anni fa, quando in Via Marecchiese non esistevano piste ciclabili).

Al Resto del Carlino, il ciclista ha spiegato di aver comunque ancora intenzione di far valere le proprie ragioni. “Forse farò ricorso, la norma è poco conosciuta, credo che almeno debbano essere posizionati cartelli per comunicare il divieto”, ha spiegato.

Scroll Up