Home > Almanacco quotidiano > 5 marzo 1897 – I garibaldini riminesi vanno a combattere per la Grecia

5 marzo 1897 – I garibaldini riminesi vanno a combattere per la Grecia

“Chi scrive e uno che ci siamo trovati a combatere per lunita Ditalia diverse volte. Se per cosa certa che voi fate gli arolamenti per la Gregia io sono disposto di venire ancora una volta con voi mentre col Bon vostro Defunto padre o fatto 7 Campagni cioè 48.49.59.60.61.66.67.

Giovanni Genghini”.

Scrivendo come può, è un veterano dei garibaldini a offrirsi volontario per l’ennesima impresa. A mezzo secolo  dalla prima guerra d’indipendenza e dei giorni gloriosi della Repubblica romana e dopo sette campagne combattute agli ordini dell’Eroe dei Due Mondi, il riminese Giovanni Genghini è ancora pronto a imbracciare le armi per una causa di libertà. Ma quale?

Giuseppe Garibaldi muore nel 1882. Ma nel 1897 Ricciotti,  uno dei suoi figli, arruola volontari per andare a combattere per l’indipendenza greca dai Turchi, come già hanno fatto in tanti e da tutta Europa per tutto l’800. E di nuovo accorrono, per il nome di Garibaldi, per la camicia rossa, per i tanti compagni che si ritrovano.

I garibaldini romagnoli vengono inquadrati nella Legione “Amilcare Cipriani”, patriota e anarchico, nato a Porto d’Anzio ma riminese a tutti gli effetti, mito vivente per tutti i rivoluzionari del continente. Intitolazione non solo simbolica: alla bella età di 54 anni, Cipriani è lì a combattere in prima fila. Durante la campagna greca resterà ferito e poi, al suo rientro in Italia, incarcerato per tre anni: in quanto “foreign fighter”, si direbbe oggi.

Amilcare Cipriani (al centro con la stampella) con un gruppo di reduci garibaldini della campagna di Grecia del 1897

Amilcare Cipriani (al centro con la stampella) con un gruppo di reduci garibaldini romagnoli della campagna di Grecia del 1897

Lo scontro avverrà nella battaglia di Domokos, combattuta il 17 maggio 1897 in Tessaglia, nella Grecia centrale, fra l’armata greca guidata dal Principe Costantino e l’esercito ottomano del generale Edhem Pascià. E sarà quest’ultimo a vincere.

I Turchi sconfiggoono i Greci nella battaglia di in un quadro ottomano dell'epoca

I Turchi sconfiggono i Greci nella battaglia di Domokos in un quadro ottomano dell’epoca

Per coprire la ritirata dei Greci, i garibaldini combattono tenacemente. Il diciassettenne di Sant’Agata Bolognese Massimiliano Trombelli viene ferito e morirà dopo pochi giorni a Calcide.

E cade, a 49 anni, Antonio Fratti, forlivese e deputato in carica; aveva lasciato la famiglia, la patria e un seggio in parlamento, per andare anche lui a morire per l’idea di libertà.

Antonio Fratti

Antonio Fratti

Giovanni Pascoli nel 1906 gli dedicherà l’ode Ad Antonio Fratti.  Una strofa recita:

Chè se uno squillo si senta
passar su Romagna la forte;
tutti d’un cuore s’avventano
tumultuando alla morte.

La camicia rossa di Antonio Fratti con ancora i segni delle ferite

La camicia rossa di Antonio Fratti con ancora i segni delle ferite

(Nell’immagine di apertura, un gruppo di reduci romagnoli della legione garibaldina “Amilcare Cipriani”)

Scroll Up