Home > Ultima ora politica > 5 Stelle, il riminese Marco Croatti fuori dalla piattaforma Rousseau

5 Stelle, il riminese Marco Croatti fuori dalla piattaforma Rousseau

“Beppe e Gianroberto hanno regalato a tutti noi, l’incredibile possibilità di diventare concretamente una parte attiva del nostro Paese. Dando ascolto al loro invito, ho iniziato il mio attivismo nel MoVimento a partire dal 2012 ed oggi rappresento il MoVimento 5 Stelle in Parlamento con l’elezione nel 2018 a portavoce in Senato. Un grande orgoglio e anche un’immensa responsabilità, che mi impegno ad onorare giorno dopo giorno, con la massima dedizione. Dedico attenzione al tema dell’azzardopatia e tutto ciò che concerne l’ambito della comunicazione. Il mio obiettivo vorrebbe cittadini consapevoli, che partecipino attivamente alla vita politica, abbracciando i temi delle nostre cinque stelle: acqua, ambiente, trasporti, connettività e sviluppo”; così Marco Croatti si presentava sulla piattaforma Rousseau, dove il senatore riminese del MoVimento 5 Stelle era “referente Portale Eventi”.

Lo era fino a oggi. Come riferisce l’agenzia AGI, “Rousseau in futuro sarà uno spazio di confronto e di offerta politica laico, trasversale e aperto a tutti quei cittadini che intendano portare avanti le proprie battaglie all’insegna del civismo inclusivo”. L’Associazione, dal Blog delle Stelle, conferma la direzione di marcia ormai autonoma da M5s e inquadra il futuro osservando del resto che “stiamo assistendo già da tempo ad un mutamento radicale del modo di fare politica”, e che dunque “le generazioni future vivranno in una società nella quale l’idea stessa di partiti e movimenti come li conosciamo oggi sarà superata”.

“La politica sarà basata su una estrema personalizzazione degli interessi civici individuali e sulle battaglie che i singoli cittadini costruiranno dal basso”, pronostica Rousseau che spiega di volere “lavorare affinchè queste battaglie e questi progetti civici trovino la loro massima realizzazione grazie alle potenzialità del digitale e agli spazi di partecipazione che andremo a costruire”.

L’occasione serve anche per “ringraziare di cuore tutti i referenti delle funzioni di Rousseau che in questi anni hanno riconosciuto la centralità del modello di democrazia diretta e partecipata promosso da Rousseau e che hanno lavorato affinchè gli iscritti al Movimento 5 stelle potessero partecipare al processo legislativo, alla creazione di iniziative, alla condivisione di atti e buone pratiche a tutti i livelli istituzionali, alla formazione continua sui temi rilevanti della politica italiana ed europea”.

Si tratta, come elencati, di Vittoria Baldino, referente Scudo della Rete; Francesco Berti, referente Lex Iscritti; Davide Bono, referente Lex Regioni; Massimo Bugani, referente Sharing; Marco Croatti, referente Portale Eventi; Manlio Di Stefano, referente Lex Parlamento; Giorgio Fede, referente Lex Parlamento; Barbara Floridia, referente e-Learning; Andrea Liberati, referente Lex Regioni; Anna Macina, referente Lex Parlamento; Mariassunta Matrisciano, referente Lex Iscritti; Marco Piazza, referente Sharing; Paola Taverna, referente Portale Eventi.

“I futuri referenti di funzione – si annuncia – non saranno individuati all’interno di una determinata e specifica formazione politica, ma saranno cittadini impegnati nel portare avanti progetti di cittadinanza attiva e nell’immaginare metodi sempre più innovativi per coinvolgere le persone nei processi decisionali e di strutturazione di soluzioni concrete ai problemi della nostra società”.

 

Ultimi Articoli

Scroll Up