Home > La puèšia ad Muratori > A còunt al pigri

Te lèt da pjò d’un’óra,
mè an durmiva incóra,
avéva bù parèć café,
tóta cólpa ad quii ch’ilé.

Prima da mètme te lèt,
ò bivù ènca un Fèrnèt,
che nurmalmèint um fà,
mo cla séra invéce na.

Dòp un po’ ch’a bazilèva,
e che te lèt am prilèva,
la mi möj prèocupèda,
la m’à dè ‘na švigèda.

La m’à dét stan la šmèt,
at lig al gambi me lèt,
adès mette d’inzì,
di un Patèr e un’ Avmarì’.

Quand t’è fnì sta pròva,
còunta al pigri ch’ut giòva,
tan vurè ch’a m’adana,
a cantèt la ninanana.

A jò dét sé sé a pròv,
arivàt ma vintinòv,
um ne scap via dó tré,
e ò duvù arcminzè.

Mè ma léa a jò dét tèšòr,
ta m’è ciap pr e’ pastór,
ch’ó da fè e cuntègg,
dal pigri ch’u jè te grègg?

Pjó a còunt pjó al crès,
e mè an dòrme listès,
an sò davèra un pastòr,
tal sé pu ch’a sò dutór.

In rispòsta la mi möj,
la m’à dét lèz Plej boy,
ta l’è se cumudèin,
vót ch’un ti faza béin.

S’un ti fà durmì quèl,
at pòrt tl’uspidèl,
it fà l’indurmantòrie,
e t šmèt da fè cal stòrie.

Ivano Aurelio Muratori

CONTO LE PECORE

Nel letto da più di un ora,/ io non dormivo ancora,/ avevo bevuto parecchi caffè,/ tutta colpa di quelli lì.

Prima di mettermi nel letto,/ ho bevuto anche un Fernet,/ che normalmente mi fa,/ quella sera invece no.

Dopo un po’ che mi preoccupavo,/ e che nel letto mi giravo,/ mia moglie preoccupata,/ mi ha dato una svegliata.

Mi ha detto, se non la smetti,/ ti lego le gambe al letto,/ adesso stenditi,/ e recita un Padrenostro e un Ave Maria.

Quando hai finito questa prova,/ conta le pecore che ti giova,/ non vorrei diventar matta,/ a cantarti la ninnananna.

Le ho detto sì sì provo,/ arrivato a ventinove,/ ne ho perse due tre,/ e ho dovuto ricominciare.

Io a lei le ho detto tesoro,/ mi hai preso per il pastore,/ che devo fare il conteggio,/ delle pecore che ci sono in un gregge?

Più conto più crescono,/ e io non dormo lo stesso,/ non sono davvero un pastore,/ lo sai pure che son dottore.

In risposta mia moglie,/ mi ha detto leggi Play Boy,/ ce l’hai sul comodino,/ vuoi che non ti faccia bene.

Se non ti fa niente quello,/ ti porto all’ospedale,/ ti fanno l’anestesia,/ e smetti di fare tutte quelle storie.

Ultimi Articoli

Scroll Up