Home > La puèšia ad Muratori > A m’arcòrd e’ pancòt!

A m’arcòrd e’ pancòt!

Ad pancòt, a m’arcòrd bèin,/ a n’ò magnè un straséin,/ quand lam géva la mi ma’:/ t savès che bèin ch’ e’ fà!

Dòp ch’ la m’à tòlt la tèta,/ l’è stè sèimpre ad cla pušghèta,/ lam déva só dal cuciarèdi,/ ch’agl’jéra èšagèrèdi.

Isé la m’ imbuchéva,/ intènt ch’ lam badurléva,/ un cucèr, una sturièla,/ per svuitè cla scudèla.

L’ éra pu de pèn bulid,/ s’un gòz d’òglie insapurid,/ bèin bèin infurmajèd,/ ch’a magnéva da sfurzèd.

Sè pancòt la m’à švèzè,/ dòp che e’ lat us n’éra andè,/ a só crisù cmè zéš a bagn,/ sèinza pianz e dì a ne magn.

Ò imparè zà da burdèl,/ ch’u s’à da magnè inquèl,/ sóratót s’it vèrz la bäca,/ e it diš: l’è quel ch’ut täca!

Mo una vòlta fat i dèint,/ a biasè l’è stè un mumèint,/ a sò pas mal tajadèli,/ ò las pancòt e caramèli.

E però, anche adèss,/ a l’ò tla mèint bèin imprès,/ sla mi ma’ ch’lai säfia sóra,/ e mè ch’a l’isógn ancóra.

Ivano Aurelio Muratori

Di pancotto mi ricordo bene,/ ne ho mangiato una enormità,/ quando mia mamma mi diceva:/ sapèssi che bene fa!

Dopo che mi ha tolto la tetta,/ è stato sempre di quella pusghetta,/ mi dava su delle cucchiaiate,/ che erano esagerate.

Così mi imboccava,/ intanto che mi trastullava,/ un cucchiaio, una storiella,/ per vuotare la scodella.

Era poi del pane bollito,/ insaporito con un goccio di olio,/ ben bene informaggiato,/ che mangiavo da sforzato.

Col pancotto mi ha svezzato,/ dopo che il latte se n’era andato,/ sono cresciuto come il cece a bagno,/ senza piangere e dire non lo mangio.

Ho imparato già da bambino,/ che si deve mangiare tutto,/ soprattutto se ti aprono la bocca,/ e ti dicono: è quello che ti tocca.

Ma una volta fatto i denti,/ a masticare è stato un momento,/ son passato alle tagliatelle,/ ho lasciato pancotto e caramelle.

E però ènca adesso,/ ce l’ho ben impresso in mente,/ con mia mamma che ci soffia sopra,/ e io che lo sogno ancora.

Ultimi Articoli

Scroll Up