Home > La puèšia ad Muratori > A sém dó purtughèš

A marèina ènca nun,
a pasém da sgnurun,
as piazèm te punt pjó bèl,
pròpie dré me Grand Hotèl.

Du ch’u jè zèinta zantila,
sè dirét dla prima fila,
mè e la möj da tènt an,
as mitém dré mi capan.

L’umbrilòun a ne vlém,
tènimòdi a ne varzém,
ém la pèla bèla dura,
e e’ sól un s’fà paura.

I litin is dà impéć,
nun ch’a sém dó pòri vèćć,
tra andèj sóra e smuntè,
a putrèsme ènca caschè.

A stém sóra e’ tél da bagn,
o gnint ch’l’è cumpagn,
dato che zó a marèina,
us va per stè sla rèina.

Duv’è che adiritura,
as fašèm la sabiadura,
ma la buša ai pènsém nun,
sèinza dè dan ma nisun.

Ènca la däcia an la fašém,
a stém me sól, an si bagném,
as cumpurtèm sa giudizie,
a fém a mènc di sèrvizie.

Un s’amènca pròpi gnint,
a stém zét, nisun is sìnt,
da tènt an ch’andém ilé,
maj ‘na vòlta avém paghè.

E’ bagnìn u s’è arèš,
u s’à dè di purtughèš,
e tótavi’ us lasa fé,
zà ch’ ui va béin isé!

Ivano Aurelio Muratori

SIAMO DUE PORTOGHESI

Al mare anche noi,/ passiamo da signoroni,/ ci piazziamo nel punto più bello,/ proprio vicino al Grand Hotel.

Dove c’è gente gentile,/ col diritto della prima fila,/ io e la moglie da tanti anni,/ ci mettiamo dietro ai capanni.

L’ombrellone non lo vogliamo,/ tanto non lo apriamo,/ abbiamo la pelle bella dura,/ e il sole non ci fa paura.

I lettini ci danno impiccio,/ noi che siamo due poveri vecchi,/ tra salirci e scenderci,/ potremmo anche cadere.

Stiamo sopra al telo da bagno,/ o niente che è uguale,/ dato che giù a marina,/ si va per stare sulla sabbia.

Dove addirittura,/ ci facciamo la sabbiatura,/ alla buca ci pensiamo noi,/ senza dar danno a nessuno.

Anche la doccia non la facciamo,/ stiamo al sole, non ci bagniamo,/ ci comportiamo con giudizio,/ facciamo a meno dei servizi.

Non ci manca proprio niente,/ stiamo zitti, nessuno ci sente,/ da tanti anni che andiamo lì,/ mai una volta abbiamo pagato.

Il bagnino si è arreso,/ ci ha chiamati portoghesi,/ e tuttavia ci lascia fare,/ giacché gli va bène così!

Ultimi Articoli

Scroll Up