Home > La puèšia ad Muratori > A vag te cafè!

Una vòlta dòp magnè,
us géva: a vag te cafè!
L’éra una bòna scuša,
per putè scapè da chèša.

Un bèl luchèl pin ad zèinta,
da vint’an ma j’utènta,
tót òmne ch’i andéva ilé,
gióst per tò e’ cafè.

Šgänd i góst: mòlt ristrèt,
sla curèziòun Fernèt,
läng, nurmèl taza a mità,
e curèt cun e’ Mistrà.

E dré ma quèl l’amarin,
una grapa o un cugnachin,
o un qualunque digèstiv,
tènimòdi mai cativ.

U jéra zà pròunt ilé,
qualchedun per ciacarè,
ad dòni, mutur e sport,
e ad quii ch’jéra mòrt.

Mo qualunque bevidòr
sla bäca sóta un zcór,
e zó sa dal béri bòni,
la Drher e la Peroni.

I bivéva, quii a la moda,
Coca e Rum e wisky e soda,
jéra fint americhèn,
ch’ jéra vést cmè di chèn.

Te cafè u jéra tènt fóm,
pèz incóra de nibiòun,
e’ parèva una fumarìa,
‘na ròba da scapè via.

Sal chèrti ch’al vò e’ fóm,
us zughéva a marafòun,
a ròbamaz a tresèt,
a brèscula e a pisalèt.

In parèć i féva tèrd,
s’al partidi a biglièrd,
is zughèva di panitun,
mo dal vòlti di migliun.

E’ jubox te cantòun,
e’ sunèva al canzòun,
mo per fél ui vléva èmènc,
una munèda da zént frènc.

Per quii sa pòc quatrèin,
u jéra e bigliardèin,
sa zinquènta frénc incóra,
i zughèva una mez’òra.

Ivano Aurelio Muratori

VADO NEL CAFFÈ

Una volta dopo mangiato,/ si diceva: vado nel cafè!/ Era una buona scusa,/ per poter uscir di casa.

Un bel locale, pieno di gente,/ da vent’anni agli ottanta,/ tutti uomini che andavano lì,/ giusto per per prendere il caffè.

Secondo i gusti: molto ristretto,/ con la correzione Fernèt,/ lungo, normale tazza a metà,/ e corretto col Mistrà.

Dietro a quello l’amarino,/ una grappa o un cognachino,/ o un qualunque digestivo,/ intanto mai cattivo.

C’era già pronto lì/ qualcuno per chiacchierare,/ di donne, motori e sport,/ e di quelli che erano morti.

Ma qualunque bevitore,/ con la bocca asciutta non parla,/ e giù con delle birre buone,/ la Dreher e la Peroni.

Bevevano quelli alla moda,/ Coca e Rhum e Whisky e soda,/ eran finti americani,/ ch’erano visti come cani.

Nel caffè c’era tanto fumo,/ peggio ancora del nebbione,/ sembrava una fumeria,/ una roba da scappar via.

Con le carte che vogliono il fumo,/ si giocava a marafone,/ a rubamazzo a tresette,/ a briscola e a piscialetto.

In parecchi facevano tardi,/ con partite a biliardo,/ si giocavano dei panettoni,/ ma a volte dei milioni.

Il jukebox nell’angolo,/ suonava le canzoni,/ ma per farlo ci voleva almeno,/ una moneta da cento lire.

 

Ultimi Articoli

Scroll Up