Home > Politica > Adunata Alpini. Si dimette la portavoce delle donne del Pd di Rimini

Adunata Alpini. Si dimette la portavoce delle donne del Pd di Rimini

⁩Il Pd nazionale sconfessa la portavoce delle donne democratiche di Rimini. Lo fa con twitter Cecilia d’Elia portavoce della conferenza Nazionale delle Donne Democratiche: “Le argomentazioni di Alvisi, a nome delle donne dem di Rimini non rispecchiano gli orientamenti e le battaglie delle democratiche e del ⁦Partito Democratico”

E in tarda serata arrivano le dimissioni della portavoce delle donne del Pd di Rimini, Sonia Alvisi: «So chi sono e so quello che ho fatto fin qui. Mi sono sempre occupata di affermare i diritti di libertà e autodeterminazione delle donne. Ho lavorato assiduamente per diffondere i principi fondamentali delle politiche di genere e di parità, per consolidare le competenze in diritto antidiscriminatorio, per difendere la soggettività femminile da stereotipi, vessazioni e violenze.
Visto che le argomentazioni da me espresse a commento degli accadimenti avvenuti a Rimini durante l’adunata degli Alpini, hanno destato un forte dibattito che può mettere in dubbio la serietà del mio impegno, ma soprattutto la forza dell’impegno quotidiano delle donne democratiche a servizio della libertà delle donne, faccio un passo indietro per consentire le riflessioni necessarie.
Nessuna donna deve avere paura in quanto donna di attraversare luoghi e vivere spazi pubblici in piena libertà, soprattutto nella nostra Rimini che tanto amiamo.
Mi scuso se con le mie parole ho offeso la sensibilità di coloro che si sono sentite molestate e aggredite. Ho sempre lavorato per difenderle e continuerò a farlo con tutto il mio cuore.».

Dimissioni inevitabili dopo le prese di posizioni sui maggiori quotidiani nazionali e sui social dei dirigenti del Pd.

Il comunicato che ha provocato una dura polemica a livello locale e nazionale pubblicato da Sonia Alvisi condannava da una parte ogni forma di molestia ma contemporaneamente si dissociava dai toni accusatori nei confronti degli alpini. La nota integrale

“In riferimento alle recenti comunicazioni dal carattere accusatorio nei confronti degli Alpini, da poco ospitati dalla nostra città per la loro adunata, la Conferenza delle Donne Democratiche della Provincia di Rimini comunica, in virtù dei principi di cui ci facciamo promotrici, di condannare in ogni circostanza, qualunque forma di molestia, esternazione sessista,comportamento lesivo o comunque non gradito nei confronti delle donne e verso qualsiasi persona. Intendiamo, del pari, dissociarci da toni accusatori tesi a incrementare un clima di polemica generalista e qualunquista, che getta un inaccettabile discredito verso un Corpo dal valore riconosciuto e indiscusso del nostro Esercito.La cospicua presenza di Forze dell’Ordine a presidiare un evento così partecipato, era a garanzia della tempestiva segnalazione, repressione e denuncia di eventuali episodi a connotazione antigiuridica. Ove uno o più di tali deplorevoli episodi siano sfuggiti a questa maglia, è importante tenere presente che la responsabilità penale è individuale ed è imprescindibile che le vittime di eventuali violenze provvedano a esporre querela verso fatti che le abbiano viste coinvolte.
Gli strumenti posti a tutela di chi subisce comportamenti illeciti, sono ben noti a tutte e tutti noi e non dovrebbero cedere il passo a mezzi diversi. Il social ha innumerevoli pregi ma è troppo spesso veicolo di informazioni approssimative e fuorvianti. Rivolgersi all’Autorità é l’unico strumento valido, vero ed efficace per ognuno di noi e, per noi, è un dovere civico, oltre che un diritto.”
Sulla vicenda era intervenuto anche Massimo Gramellini sulla prima pagina del Corriere delle Sera di questa mattina, 12 maggio

Sul dibattito in corso interviene anche la consigliera di parità della Provincia di Rimini, Adriana Ventura.”In questi giorni, la cronaca locale e nazionale ha portato all’attenzione dell’opinione pubblica episodi accaduti a Rimini in occasione del raduno degli alpini. Si tratta di fatti  che, nella loro fattispecie, rappresentano e pongono il problema più generale e molto complesso della violenza contro le donne, tema rispetto al quale si chiede alla politica e alle Istituzioni di impegnarsi con atti sempre più tempestivi e appropriati.

I fatti narrati e visti nei video dei social impegnano le autorità, una volta accertati gli autori e le responsabilità, a sottoporre i responsabili ad adeguate sanzioni e condannarli ad una sorta di Daspo, affinché le occasioni pubbliche e i raduni non siano per essi occasione di espressione del più becero maschilismo.

La consigliera di parità della Provincia di Rimini, sia come donna che come istituzione, esprime sentimenti di profonda solidarietà a tutte le donne che nei giorni scorsi, nella circostanza del raduno degli alpini, sono state vittime di molestie nei luoghi pubblici e nei luoghi di lavoro e condanna con assoluta fermezza ogni tipo di violenza contro le donne perché essa è una grave violazione dei diritti umani. Una violazione che compromette profondamente il benessere generale delle donne e impedisce loro di partecipare attivamente alla vita sociale.

Di fronte ai fatti accaduti nessuno può rimanere indifferente, politica e Istituzioni devono impegnarsi sempre di più affinché, anche in occasioni pubbliche e spazi pubblici, non si consumino soprusi e violenze, da quelle verbali a quelle fisiche, e soprattutto, rispetto a tutto ciò, le donne non devono essere mai lasciate sole.

La consigliera di parità, la cui funzione è gratuita, è a disposizione di tutte le donne che ritengono di essere state vittime di molestie nei luoghi di lavoro, per l’ascolto e per ogni seguito che la competenza prevede in questi casi.”

Foto di copertina Sonia Alvisi

Ultimi Articoli

Scroll Up