Home > Primo piano > Aeroporto Fellini. Ufficiale la concessione di 30 anni. Ora gli investimenti

Aeroporto Fellini. Ufficiale la concessione di 30 anni. Ora gli investimenti

Dopo quattro anni di gestione provvisoria ora Ariminum ha la gestione definitiva con il rilascio della concessione di 30 anni da parte di Enac. Con questo atto atteso da tempo la società di gestione Ariminum è nelle condizioni di presentare il master plan, il piano degli investimenti.

Quindi entro la fine del 2018 Airiminum dovrà presentare il piano di lungo periodo, che poi verrà concretato da piani quadriennali, ovvero “sottoperiodi” di gestione regolatoria e di sviluppo infrastrutturale.Il piano aeroportuale italiano prevede, per l’aeroporto di Rimini, nel medio\lungo periodo un traffico passeggere di 2,2 milioni.

Nella discussione in corso con Enac per il periodo 2020-2023 il piano di investimenti prevede circa 22 milioni di investimenti: 10,5  sulla pista, 3 per il terminal, 5 per le aree esterne. Altri 3 milioni andranno in sicurezza: nuove telecamere e mezzi.

I piani dell’aeroporto puntano su Ryanair. Gli attuali collegamenti stanno andando bene, Londra in particolare, ma anche Cracovia e Kaunas. Nel 2019 si pensa di consolidare ed intensificare la frequenza su queste rotte. Sempre per la prossima estate sarà possibile vedere il ritorno dei collegamenti con la Germania, in particolare Monaco di Baviera.

Il 2017 si è chiuso con 300mila ed i primi 6 mesi del 2018 con 123mila passeggeri. Numeri ben lontani dall’obiettivo. Con la concessione, ufficiale, di 30anni la società ha la possibilità di fare quegli investimenti sino ad oggi di fatto impediti. La svolta, assicurano dai vertci di Ariminum, inizierà il prossimo anno.

Si tratta di un’ottima notizia. Adesso non ci sono più scuseha commentato Andrea Corsini, Assessore Regionale al turismoil gestore è nelle condizioni di poter procedere a stilare un piano di investimenti per rilanciare l’aeroporto, l’obiettivo naturalmente è favorire lo sviluppo di un’inter aerea, la destinazione turistica Romagna. Come Regione, nei prossimi mesi investiremo sulla comunicazione in Germania“.

Per Leonardo Corbucci, amministratore delegato di Air Ariminum, la priorità è “favorire l’arrivo di turisti a beneficio di tutto il territorio, alla luce della sua vocazione, ma anche facendo diventare il Fellini un hub importante per la mobilità a 360 gradi. Traffico “incoming” e quindi arrivi ma anche un punto di riferimento per coloro, residenti e cittadini dei territori di riferimento, che vogliono viaggiare e scelgono l’aereo come mezzo per spostarsi“.

Per Laura Fincato, presidente di Air Ariminum, “è singolare che una società privata abbia ottenuto in concessione la gestione di un servizio pubblico. Per Air Ariminum sarà motivo di crescita culturale“.

Il piano di sviluppo aeroportuale prevede tre fasi di sviluppo. Il termine della prima è fissato al 2023. La seconda è compresa tra il 2024 e il 2033, il termine della terza al 2048.

Tra le possibilità di sviluppo individuate da Leonardo Corbucci spicca anche la costruzione di uno scalo destinato al traffico cargo.

Celebrazione della concessione trentennale in aeroporto

Scroll Up