Home > La puèšia ad Muratori > Al spugnaduri

Una zurnèda bulèinta!
A sém arvat mi quarènta,
sa stè chèld ècèziunèl,
la mi mèj la è stè mèl.

A l’ò tròva sla tumèna,
las féva vènt sla sutèna,
l’èra räsa paunaza,
si pid int l’aqua giaza.

Lan tiréva gnènca e’ fiè,
mè an savèva cuša fè,
a jò trat zó la sutèna,
per fèi vènt s’una mèna.

Ò svèntulè mézurèta,
mo per gnint che la purèta,
l’éra un bagn ad sudór,
a jó dét: va de dutór!

Mo léa gnènca per e’ caz,
l’à vlù la bòrsa de giaz,
l’è stè véna ènc sta cura,
l’à vlù fè una spugnadura.

Mo quèsta la m’è nòva,
a jò dét, peró té prova,
tènimodi lan còsta gnint,
t’am diš dòp cum tat sint.

Sla spògna la sfrataza,
las la pasa sla faza,
se col, pu säta braz,
cumè l’andra te guaz.

Epù lam diš a la fèin,
sé che adès a stàg bèin!
Mo s’a racòunt ste fat,
tót is diš ch’a sém dó mat.

Ivano Aurelio Muratori

LE SPUGNATURE

Una giornata bollente!/ siamo arrivati ai quaranta,/ con sto caldo eccezionale,/ mia moglie è stata male.

L’ho trovata sulla ottomana,/ a farsi vento con la sottana,/ era rossa paonazza,/ con i piedi nell’acqua fredda.

Non tirava neanche il fiato,/ io non sapevo cosa fare,/ le ho tirato giù la sottana,/ per farle vento con una mano.

Ho sventolato mezz’orètta,/ ma niente che la poveretta,/ era un bagno di sudore,/ le ho detto: vai dal dottore!

Ma lei neanche per il cazzo,/ ha voluto la borsa del ghiaccio,/ è stata vana anche questa cura,/ ha voluto fare una spugnatura.

Ma questa mi è nuova,/ le ho detto, però tu prova/ tanto non costa niente,/ mi dici dopo come ti senti.

Con la spugna si sfrega,/ se la passa sulla faccia,/ sul collo poi sottobraccio,/ come l’anatra nel bagnato.

Poi mi dice alla fine,/ sì che adesso sto bene!/ Ma se racconto sto fatto,/ tutti ci dicono che siamo due matti.

Ultimi Articoli

Scroll Up