Home > Economia > Ambiente > Allarme smog, dossier e presidio Legambiente

Allarme smog, dossier e presidio Legambiente

Legambiente presenta il Dossier Mal’Aria 2017: a gennaio 5 capoluoghi dell’Emilia-Romagna hanno già registrato almeno 15 giorni di superamento dei limiti di PM10; le situazioni peggiori si sono registrate aReggio Emilia, Modena e Piacenza, seguite da Ravenna e Rimini con 15 giorni di sforamento.

COMUNE

GIORNI DI SUPERAMENTO

DEI LIMITI DI PM10 (50 µg/m3)

AL 30/1/2017

Piacenza

17

Parma

12

Reggio Emilia

19

Modena

18

Bologna

12

Ferrara

9

Ravenna

15

Forlì

9

Cesena

5

Rimini

15

“Dati che non promettono  nulla di buono – commenta Legambientenonostante lo scorso anno la situazione in regione sembrava essere in miglioramento. Numeri preoccupanti se si pensa anche ai rilevanti impatti sulla salute: ogni anno, stando alle ultime stime, l’inquinamento dell’aria causa oltre 467 mila solo in Europa e i costi sanitari associati quantificabili sono tra 400 e 900 miliardi di euro all’anno sempre in Europa”.

Legambiente ha organizzato per oggi un presidio organizzato a Bologna in occasione dell’incontro tra il Ministro Galletti e gli Assessori all’Ambiente di Emilia-Romagna, Veneto, Piemonte e Lombardia.

I presidenti regionali dell’associazione, ricevuti durante l’incontro, hanno chiesto al Ministro Galletti ed ai rispettivi assessori all’ambiente soluzioni urgenti al problema dell’inquinamento dell’aria nel bacino padano: “Far uscire le città dalla cappa di smog è una priorità”.

Proposte, quelle di Legambiente, contenute nell’annuale dossier “Mal’aria 2017 – Come ridurre lo smog, cambiando le città in 10 mosse” che “sfida le amministrazioni disegnando le città di domani, utilizzando le migliori esperienze che già oggi sono una realtà: ecco dunque una metropoli innovativa e sostenibile, sempre più verde dove gli alberi tornano ad essere i protagonisti del centro e delle periferie “sposando” anche l’architettura per dar vita a palazzi che respirano. E poi reti ciclabili, mezzi pubblici e auto elettriche, ecoquartieri, edifici che tornano a nuova vita grazie a progetti rigenerazione urbana per Centri urbani sempre più smart, partecipativi e inclusivi”.

Il Piano Aria dell’Emilia Romagna approvato in Giunta nelle scorse settimane – prosegue Legambiente – contiene indirizzi e misure positive, alcune delle quali frutto delle nostre richieste fatte negli scorsi anni. Finalmente nel Piano è rivisto il meccanismo delle misure emergenziali, che scatteranno a seguito di 4 giorni di superamento consecutivi dei limiti di PM10, e non dopo 7 come era fino ad oggi. Misure emergenziali che contengono, oltre al blocco dei veicoli più inquinanti (diesel euro 3 ed euro 4 dal 2018), anche l’obbligo di riduzione delle temperature fino ad un minimo di 19 gradi in edifici pubblici, privati ed esercizi commerciali. Per quanto riguarda gli esercizi commerciali, recepita anche la nostra richiesta di obbligare alla chiusura delle porte esterne al fine di non sprecare energia per riscaldamento e raffrescamento.”.

“A seguito dell’approvazione del PAIR2020 – sottolinea l’associazione – sarà fondamentale che gli indirizzi contenuti non restino solo buoni propositi sulla carta. Per questo urge pensare ad un tavolo di coordinamento con i Sindaci che porti, oltre alla rapida applicazione delle norme a livello comunale, ad un meccanismo di monitoraggio sull’attuazione locale delle misure contenute nel piano. Importante inoltre che siano messe in campo azioni serie di vigilanza sul rispetto delle norme e comminate le relative sanzioni che potrebbero poi essere utilizzate per finanziare l’implementazione del trasporto pubblico o le infrastrutture dedicate alla mobilità leggera”.

Infine, per l’associazione “è fondamentale che l’art. 11 delle norme tecniche di attuazione del Piano, dove si ricorda che le direttive del PAIR devono essere recepite dal PRIT (Piano integrato dei trasporti), non resti solo una buona intenzione. Ci faremo garanti di questa indicazione nel percorso pubblico di stesura del PRIT, ricordando la necessità di un impegno sul versante dei trasporti e sul bilancio regionale per riformare la mobilità, spostando i principali sforzi infrastrutturali che oggi sono destinati alle autostrade, verso il trasporto pubblico locale e la promozione della mobilità urbana sostenibile.”

Il dossier “Mal’Aria 2017” è scaricabile a QUESTO LINK

Ultimi Articoli

Scroll Up