Home > La puèšia ad Muratori > An sò stè sèinza cafè

Mè a séra incóra znèin,
ch’a bivèva e’ cafitèin,
um piašèva, l’éra bòn,
cum ch’ul féva e’ mi nòn.

Ul ciamèva “e’ turchètt”,
una sòrta ad cafè strèt,
che tla cótma e’ ribuliva,
dó tré vòlti e pu ul sèrviva.

Da che mumèint ch’ilé,
am ne bév tré quatre e’ dé,
che e’ cafè e’ tira só,
ut chèrga quant t ci zó.

Pèrò adès cume adès,
e’ cafè us fà èsprès,
che sa tót e’ mi rispèt,
l’è mòlt mèj de turchètt.

Mè òzdé, dop ch’ò magnè,
ò da tò sóbti e’ cafè,
s’un cichèt ad mistrà,
cl’è e’ masim dla buntà.

Um fà bòn, al gradès,
e sa quèl a digèrès,
um vérz e’ stömeg zó zó,
e pjó gnint um vèin só.

Am gòd tót e’ su aròma,
ad spézi, ad ròba bòna,
me nèš ui va l’udór,
e at bäca un gran sapór.

Un m’impòrta sl’è pchè,
sèinza quèl an sò stè,
um vèin l’agitaziòun,
a m’arvèin la digèstiòun.

E’ cafè, a la taj curta,
l’è la zarèša sla tórta,
che sla n’avès quèla,
la saria una zambèla.

Ivano Aurelio Muratori

NON SO STARE SENZA CAFFÈ

Io ero ancora piccolo,/ che bevevo il caffettino, /mi piaceva, era buono,/ come lo faceva mio nonno.

Lo chiamava “il turchetto”,/ una sorta di caffè stretto,/ che nella cucuma ribolliva,/ due tre volte e poi lo serviva.

Da quel momento lì,/ me ne bevo tre o quattro al giorno,/ che il caffè ti tira su,/ ti carica quando sei giù.

Però adesso come adesso,/ il caffè si fa espresso,/ che con tutto il mio rispetto,/ è molto meglio del turchetto.

Io oggigiorno, dopo che ho mangiato,/ devo prendere subito il caffè,/ con un cicchetto di mistrà,/ il massimo della bontà.

Mi fa bene, lo gradisco,/ e con quello digerisco,/ mi apre lo stomaco giù giù,/ e più niente mi vien su.

Mi godo tutto il suo aroma,/ di spezie, e di roba buona,/ al naso ci va l’odore,/ e in bocca un gran sapore.

Non m’impòrta se è un peccato,/ senza quello non so stare,/ mi viene l’agitazione,/ mi rovino la digestione.

Il caffè, la taglio corta,/ è la ciliegia sulla torta,/ che se non avesse quella,/ sarebbe una ciambella.

Ultimi Articoli

Scroll Up