Home > Cronaca > Anche i droni cercano la donna scomparsa a Montecopiolo ma finora invano – VIDEO

Anche i droni cercano la donna scomparsa a Montecopiolo ma finora invano – VIDEO

A Montecopiolo sono riprese questa mattina le ricerche della donna di 65 anni di cui non si ha notizia da qualche giorno. Le operazioni sono coordinate dalla Prefettura di Rimini e vi prendono parte i Vigili del Fuoco, il Soccorso Alpino, la Protezione Civile, i Carabinieri di Novafeltria.

I pompieri hanno attivato in mattinata anche la squadra SAPR (sistemi aeromobili pilotaggio remoto) per i sorvoli in zona mediante drone, mentre presenti già da ieri la turbina del comando di Forlì e Cesena, ed il “bruco” del comando di Bologna. L’unità di comando locale VF Rimini (UCL) sta coadiuvando le ricerche presso la zona di ultimo avvistamento, con squadre miste che operano in ricerca su neve. Al momento sono presenti solo i Vigili del Fuoco stanno impegnando 12 uomini.

Maria Cristina Ventura, questo il nome della donna scomparsa, è una psicologa di Bologna che dopo le pensione si era trasferita qualche anno fa in questo solitario angolo dell’appennino riminese, per vivere in compagnia dei suoi animali: cani, gatti, cavalli, qualche asino. Domenica l’ultimo contatto con il figlio.

Le ricerche si sono interrotte con l’oscurità e riprenderanno domani.

I video dei Vigili del Fuoco:

L’emergenza neve ha impegnato duramente anche i volontari del Soccorso Alpino e Speleologico Emilia-Romagna della stazione “Montefalco” supporto del 118 di Novafeltria e da ieri sera una squadra di scialpinisti del SAER è a disposizione dell’Ospedale di Novafeltria, per accompagnare i sanitari in caso di bisogno. Nella giornata di lunedì 23, gli operatori hanno infatti aiutato i sanitari a raggiungere un paziente colpito da malore in un’abitazione isolata a Cavillano di Montecopiolo, insieme ai Vigili del Fuoco. Nel pomeriggio di martedì invece, intorno alle ore 14.00, è stata richiesta una nuova attivazione in supporto all’ambulanza 118 di Novafeltria, per raggiungere una perosna colta da malore in un’altra abitazione isolata a causa della fitta coltre di neve in località Saudesse di Maiolo .
Anche nei prossimi giorni e fino a quando le condizioni lo richiederanno.

Ultimi Articoli

Scroll Up