Home > Ultima ora Attualità > Anche Santarcangelo vieta la caccia sul Marecchia

Anche Santarcangelo vieta la caccia sul Marecchia

Entra in vigore il divieto di caccia lungo il percorso storico-naturalistico del Marecchia nel territorio di Santarcangelo. L’ordinanza, firmata questa mattina dalla sindaca Alice Parma, dispone infatti il divieto dell’esercizio dell’attività venatoria, sia in forma vagante che con appostamenti temporanei, in una fascia di cinquanta metri di larghezza per entrambi i percorsi lungo il fiume Marecchia sia a monte che a valle. È inoltre vietato sparare in modo che la traiettoria di tiro attraversi l’area oggetto dell’ordinanza, nonché attraversare e camminare lungo il percorso ciclopedonale con fucile carico.

L’ordinanza – emanata anche sulla base delle indicazioni ricevute dalla Prefettura di Rimini – è finalizzata a evitare pericoli per l’incolumità e la sicurezza pubblica, soprattutto per i numerosi utenti della pista ciclopedonale lungo le sponde del fiume Marecchia che da Rimini conduce fino all’entroterra. Il provvedimento è valido ogni anno per tutta la stagione venatoria stabilita dalla Regione Emilia-Romagna.

Le violazioni all’ordinanza sono perseguite con le sanzioni previste dalle normative in materia di attività venatoria e costituiscono anche violazioni al Codice penale. Al rispetto delle disposizioni, ognuno per le proprie competenze, provvederanno il nucleo Forestale dei Carabinieri, la Polizia provinciale e le Guardie volontarie delle associazioni venatorie e ambientaliste. L’ordinanza integrale è disponibile sul sito www.comune.santarcangelo.rn.it.

Scroll Up