Home > amici degli animali > Animali: le regole per averne uno nel condominio

Animali: le regole per averne uno nel condominio

Diciamola: cani e condomini non sempre sono due cose che vanno a braccetto. Quando in un condominio, un residente prende un cane, spesso gli altri non sono d’accordo e c’è sempre qualcuno che tartassa l’amministratore per comunicare il disagio a volte giustificato, altre volte no. 

Nella legge per la Riforma del Condominio 220/2012 c’è la modifica della normativa (art 1138 del c.c.) che concerne il possesso di animali domestici in condominio. 

In pratica: I regolamenti condominiali non possono vietare ai singoli condomini di tenere un pet. 

In caso contrario si può annullare le regola presentando un ricorso al Giudice di Pace entro 30 gg.

Ma per non creare dei problemi reali è bene sapere che la vita del cane in condominio non è esente da regole, regole che è importante rispettare come rispettare gli spazi e i diritti degli altri, ecco come: 

il cane deve essere tenuto al guinzaglio;

avere la museruola nelle aree ristrette; 

il padrone deve raccogliere i bisogni;

avere vaccinazioni in regola;

evitare rumori e odori. 

Ricordiamo che per motivi gravi, il condominio tramite l’assemblea, che regna sovrana, può decretare l’allontanamento dell’animale.

Se si vive in un condominio e si vuole prendere un cane è meglio prima leggere bene il regolamento che viene dato quando si prende possesso della casa, utile avere un confronto con l’amministratore.

Al di là delle leggi c’è la sempre il buon senso della singola persona, come ad esempio educare il cane, quindi al fine di evitare complicazioni è bene affidarsi ad un educatore che saprà insegnare al cane a comportarsi bene. 

Quanto all’abbaiare del cane è tollerato perché è visto come un suo diritto, ma l’abbaiare patologico no. Il cane in modo instancabile abbaia quando è da solo se è una situazione al quale non è abituato, quindi il professionista può aiutare fargli superare l’ansia da separazione.  

Parliamo anche di razza da appartamento. Se si vive in un appartamento non si può certo prendere un Alano o un Maremmano, meglio puntare sui cani il cui peso è da i 10 Kg in giù: Barboncino, Maltese, Carlino e Pechinese, Cavalier King Charles, Lhassa Apso.

Ricordiamo che anche se sono piccoli hanno bisogno di uscire, fare movimento e altre attività stimolanti. 

Da notare che ci sono persone allergiche al pelo dei cani e che dei cani hanno paura, due cose che vanno tenute a mente.   

Fonti: Royal Canin e Diritto.net 

Ultimi Articoli

Scroll Up