Home > Poesia > Anna Achmàtova: «C’è nel contatto umano un limite fatale»

Anna Achmàtova: «C’è nel contatto umano un limite fatale»

C’è nel contatto umano un limite fatale,
non lo varca né amore né passione,
pur se in muto spavento si fondono le labbra
e il cuore si dilacera d’amore.

Perfino l’amicizia vi è impotente,
e anni d’alta, fiammeggiante gioia,
quando libera è l’anima ed estranea
allo struggersi lento del piacere.

Chi cerca di raggiungerlo è folle,
se lo tocca soffre una sorda pena…
ora hai compreso perché il mio cuore
non batte sotto la tua mano.

Anna Achmàtova (Odessa [Ucraina], 1889 – Mosca, 1966)

Scroll Up