Home > Poesia > Anna Achmàtova: «In luogo di prefazione»

Anna Achmàtova: «In luogo di prefazione»

Nei terribili anni della “ezovscina” ho trascorso diciassette mesi a fare la coda presso le carceri di Leningrado. Una volta un tale mi “riconobbe”.

Allora una donna dalle labbra bluastre che stava dietro di me, e che, certamente, non aveva mai udito il mio nome, si ridestò dal torpore proprio a noi tutti e mi domandò all’orecchio (lì tutti parlavano sussurrando):
– Ma lei può descrivere questo?

E io dissi:
– Posso.

Allora una specie di sorriso scivolò per quello che una volta era stato il suo volto.

Anna Achmàtova, (Odessa [Ucraina], 1889 – Domodedovo [Russia], 1966)

Scroll Up