Home > Eventi Cultura e Spettacoli > Artisti in Piazza torna alla formula pre covid, al via l’1 giugno

Artisti in Piazza torna alla formula pre covid, al via l’1 giugno

La manifestazione Artisti in Piazza, giunta alla XXVI edizione, è nata come sogno e aspirazione e si è gradualmente concretizzata in un’importante realtà nazionale e internazionale, che oggi si definisce per contenuti emission: “Festival Internazionale di Arti Performative”. Il Festival è il risultato di una costante azione creativa, conseguita con competenza, passione e coraggio dall’Associazione Culturale Ultimo Punto di Pennabilli. Dopo due anni di rassegna con diversi appuntamenti organizzati nel corso dei mesi estivi, a giugno 2022 torna lo storico formato che contraddistingue l’essenza del Festival.

“L’ispirazione per questa edizione viene da un brano tratto dalla sceneggiatura (scritta da Tonino Guerra) del film Nostalghia con la regia di Andrej Tarkovskij: bisogna riempire gli orecchi, gli occhi di tutti noi di cose che siano all’inizio di un grande sogno. Qualcuno deve gridare che costruiremo le piramidi.” -spiega Enrico Partisani, direttore artistico. “Dopo un periodo complicato per il mondo della cultura e dello spettacolo, sentiamo fortemente la necessità di risvegliare le potenzialità assopite. Il nostro desiderio è trasmettere al pubblico il messaggio che esisteranno sempre la Bellezza e la Speranza, e che i nostri più ambiziosi e ardui progetti vanno alimentati, nonostante tutto. La piramide è lo spunto che rappresenta la tensione alla realizzazione di desideri grandiosi, per questo l’abbiamo scelta anche per la nuova immagine grafica. Il Festival recupera il suo formato di festa, nei primi cinque giorni di giugno50 compagnie internazionali di teatro, musica, nouveau cirque, danza, clownerie, teatro di figura, diffonderanno la propria arte a Pennabilli, costruendo simbolicamente insieme al pubblico una nuova promessa di felicità“.

Un carabiniere trentanovenne originario di Forlì Cesena ma di fatto in servizio nella Compagnia di Castel d’Azzano di Villafranca di Verona è indagato per tentati atti sessuali contro una minorenne di 13 anni, che avrebbe adescato nel 2020, durante le prime settimane di lockdown, agli inizi della pandemia. A far esplodere il caso, nell’ottobre dello stesso anno, furono la trasmissione Mediaset Le Iene e la zia dell’adolescente che aveva segnalato il caso. Il 39enne, difeso dagli avvocati Marco Catalano e Marco Martines, per mesi aveva intrattenuto come da lui stesso indirettamente ammesso ai microfoni del programma, una fitta conversazione con la tredicenne, che aveva appena perso la madre morta prematuramente. Nella mattinata di lunedì 30 maggio è andata in scena l’udienza preliminare, si attendeva la risposta del giudice alla richiesta di rinvio a giudizio formulata dal pm che però non è arrivata a causa di un difetto di notifica agli avvocati difensori del militare.

La selezione artistica dell’edizione 2022 è frutto delle pluriennali collaborazioni che “Artistiin Piazza” coltiva con altri Festival Internazionali e del network virtuoso instaurato con operatori culturali e artisti di tutto il mondo, oltre che il risultato della selezione di richieste pervenute all’organizzazione tramite il form online che gli artisti possono compilare nel corso dei mesi invernali. Le schede descrittive degli artisti attualmente confermati in programma sono già consultabili sul  sito www.artistiinpiazza.comqui di seguito ne presentiamo alcuni.CIRCO CONTEMPORANEOTra gli highlights di questa edizione, il comico e artista di strada di fama giapponese Ketchpropone uno spettacolo multidisciplinare guidato dall’improvvisazione teatrale, dove si mescolano diverse discipline come pantomima, magia, giocoleria e musica, senza l’utilizzo delle parole. Sarà inoltre accompagnato da una troupe televisiva giapponese che realizzerà un documentario sulla sua attività di artista e sulla sua presenza negli eventi e festival europei. Saranno presenti poi i tre vincitori delbando Trampolino Vetrina 2022, (nell’ambito del progetto ministeriale Cirk_Up 2.0) promosso daA.C.C.I. Associazione Circo Contemporaneo Italia con lo scopo di mostrare, valorizzare e contribuire a diffondere l’autorialità italiana e la varietà del linguaggio circense. L’Associazione Culturale Ultimo Punto, come socio di A.C.C.I., aderisce al progetto Trampolino Vetrina, ospitando itre spettacoli vincitori del bando all’edizione 2022diArtisti in Piazza, offrendo loro l’opportunità di esibirsi di fronte a un pubblico eterogeneo etanti operatori culturali italiani e internazionali. Presente anche Chilowatt Electric Companycon lo spettacolo Rex, ispirato alla figura di Nikola Tesla. Un campionatore ad acqua attivato dal pubblico, persone trasformate elettricamente in strumenti musicali, giocoleria con acqua fluorescente ad alta pressione,manipolazione di bastoni e tanto borotalco per uno spettacolo intimo, dove musica dal vivoe manipolazione di oggetti sono linguaggio di unviaggio sorprendente.

DANZA

Torna il collettivo di performer Balletto Civile con tre proposte per il pubblico. Nella prima,Paesaggio d’Interni, la compagnia indaga la relazione emotiva tra uomini e donne: amanti,fratelli, nemici, simili e compagni, in una drammaturgia che collega la tempesta d’impulsi presente tra noi e l’altro usando il cambio di prospettiva per rendere, ciò che sembra chiaro, velocemente inaspettato. Loose Dogs invece è uno spettacolo site-spefic che rappresenta la seconda tappa di una ricerca iniziata nel 2016 con lo spettacolo “Just Before the Forest”. Una voce narrante fa da sottofondo ad una tranche de vie serale in un bar, fornendo allo spettatore pochi dettagli sulla storia dei protagonisti al bancone. La performance viene articolata come un flusso di coscienza a più livelli. Un’esperienza iper-sensoriale, accompagnata da una selezione musicale composta di rumori, suoni acustici, vibrazioni.

Infine Hamlet Puppet, una performance che unisce musica, recitazione e danza, tese a un medesimo scopo: riflettere sull’essenza della vita e dell’arte. Essere o non essere, è ancora questo il problema?

 TEATRO DI FIGURA E TEATRO DI STRADA

Tre compagnie spagnole si esibiranno con il supporto di AC/E Acciòn Cultural Española, all’interno del Programma di Internazionalizzazione della Cultura Spagnola (PICE)/Programma di Mobilità.

Il duo Tercio Incluso, nato dall’unione di due artisti di diversa estrazione professionale, porteranno lo spettacolo di deliziosa semplicità Normalmente o viceversa, che trasporta lo spettatore in uno spazio domestico e intimo senza tempo, dove immergersi nel mondo della memoria degli oggetti.

La seconda compagnia coinvolta è Puppæ Company, composta da tre artisti nata a Barcellona, e si esibirà con il loro primo spettacolo, Otto, dove la manipolazione e la musica dal vivo vi condurranno in un immaginario dal quale non vorrete più uscire.

Zero en Conducta invece ripropone il primo spettacolo della compagnia, Nymio: Teatro Digital. Un intimo assolo in cui le dita sono al centro della scena senza dimenticare altri linguaggi come il mimo e la danza. Poesia visiva semplice, non semplice, con l’obiettivo di risvegliare l’amore per il piccolo, ciò che non si vede, ciò che è alla portata delle nostre mani.

Tra le compagnie teatrali vedremo il ritorno dei francesi Rara Woulib, il cui lavoro si caratterizza per la creazione riti e performance all’interno della vita quotidiana delle persone, in spazi condivisi, legando le usanze conservate dalle comunità locali con riti perduti da riscoprire. Quest’anno li vedremo in Deblozay, (“disordine” in creolo haitiano), è un viaggio nella memoria della città e dei suoi abitanti, in una forma singolare che unisce teatro, musica e canzoni. Una grande festa in cui la compagnia conduce la folla di spettatori nella follia della trance collettiva guidata dal suono della rara e dei canti sacri del voodoo haitiano.

Dall’Italia saranno presenti Teatro Necessario, unica realtà di produzione di circo contemporaneo nata nel territorio emiliano e finanziata dalla Regione Emilia Romagna, che proporrà due spettacoli: Clown in Libertà, momento di euforia, ricreazione e ritualità catartica per tre buffi, simpatici e “talentuosi” clown colti da un’eccitazione infantile all’idea di avere una scena ed un pubblico a loro completa disposizione; Dinamica del Controvento, un affascinante carosello musicale che porterà il pubblico lontano senza dover muovere un passo, a bordo di questa speciale bilancia, fatta di musica e persone: insieme, per cercare un nuovo equilibrio.

Silvio Castiglioni sarà presente con Abitare la terra, un’azione teatrale itinerante che esplora alcuni aspetti del nostro rapporto col pianeta percorrendone a piedi un piccolo frammento. Nelle soste del cammino – accompagnate da modulazioni della voce – sono evocate azioni riparatrici e magiche, ingenue e prodigiose, variando dall’invettiva alla tragedia, dalla cronaca all’apocalisse, per vie misteriche stregonesche e popolari.

Infine Rubbish Rabbit del Tony Clifton Circus sarà uno spettacolo anarchico, incentrato sulla destrutturazione delle opinioni e dei giudizi comuni tramite un frenetico gioco in cui parole e azioni si rincorrono in una corsa a perdifiato, in un susseguirsi implacabile di risate e tensione per lo spettatore.

MUSICA
Il primo giorno di Festival sarà movimentato dall’energia esplosiva dei Newen Afrobeat, è uno dei gruppi più eccezionali e attraenti dell’America Latina e l’unico a coltivare il genere Afrobeat in Cile, la cui qualità e messa in scena sono state riconosciute da diversi artisti importanti.

Tra le novità di questa edizione conosceremo il Sahara blues di Anewal, trio guidato dal rappresentante della cultura tribale nomade nigeriana Alhousseini Anivolla. In una jam ipnotica fatta di chitarre pungenti infuse di blues e un cantato caloroso e rilassato, trasporteranno il pubblico in un viaggio nel deserto, in terra africana.

Altri ospiti attesissimi sono i Cumbia Chicharra, un gruppo di otto polistrumentisti la cui musica, come si intuisce, ha come epicentro proprio la cumbia. I loro concerti si caratterizzano per l’energia trascinante della loro musica, dai ritmi esplosivi e dove non mancherà influenze dalla musica caraibica, andina, afroamericana o orientale, l’amore per la danza, il gusto per il dub, il rock, l’hip-hop e l’elettronica in una trance di percussioni.

Grande ritorno invece per gli Henge, band inglese che ha scatenato il pubblico nell’edizione 2019. Autentici animali da palcoscenico, i loro live sono un’esplosione di frenetico divertimento. La loro musica è un crossover di stili che loro stessi definiscono “cosmic dross” (scorie cosmiche), con elementi che vanno dal progressive music alla psichedelica e alla dance elettronica, trasformando ogni live in un vero e proprio viaggio spaziale per lo spettatore.

Al Festival non mancheranno i Daiana Lou, che dopo la presenza nella rassegna della scorsa estate 2020 hanno deciso di trascorrere un periodo a Pennabilli per registrare il   loro nuovo album, Our Third First Album, da cui è stato estratto il brano A Milioni di Anni Luce, parte della colonna sonora del film di produzione Netflix “4 Metà”.

RESIDENZE E ANTEPRIME
Il 9 maggio sarà possibile per il pubblico assistere a una prova aperta dell’artista messicano Humberto Kalambres, in residenza dal 2 al 9 maggio al Teatro Vittoria di Pennabilli. La prova aperta al pubblico costituisce l’anteprima dello spettacolo “El Aletreo” che presenterà al Festival.

BIGLIETTI E ABBONAMENTI

E’ possibile acquistare online biglietti e abbonamenti in prevendita a prezzi ridotti su https://www.liveticket.it/artistiinpiazza-pennabillifestival

 

 

 

Ultimi Articoli

Scroll Up