Home > La puèšia ad Muratori > Aspitém e’ tèmpurèl

E’ sól e’ pécia da vint dé,
e’ mi chèn l’è sèimpre ilé,
stés ma l’ämbra, säta e’ mél,
cun la bèva us lèca e’ pèl.

Mè d’isdé sóra un scalèin,
si pì a bagn int e’ cadèin,
sna bòcia ad aqua e šéda,
a šbivóć quant ch’ò séda.

La mi vècia ch’la šbàdàja,
la säfia e la svantàja,
la sutèna dognitènt,
per sintì un filin ad vèint.

Un s’ véd a mòv ‘na fòja,
nun ad zcär an n’avém vòja,
a stém iqué, an andém invèl,
aspitém e’ tèmpurèl.

Ivano Aurelio Muratori

ASPETTIAMO IL TEMPORALE

Il sole picchia da venti giorni,/ il mio cane è sempre lì,/ steso nell’ombra, sotto il melo,/ con la bava si lecca il pelo.

Io seduto su un gradino,/ coi piedi a bagno nel catino,/ con una bottiglia di acqua e aceto,/ sbevucchio quando ho sete.

La mia vecchia che sbadiglia,/ soffia e sventaglia,/ la sottana ogni tanto,/ per sentire un filino di vento.

Non si vede a muovere una foglia,/ noi di parlare non abbiamo voglia,/ stiamo qui, non andiamo via,/ aspettiamo il temporale.

Ultimi Articoli

Scroll Up