Home > Ultima ora politica > Assistenza, la Giunta comunale di Rimini rinnova convenzione con scuole d’infanzia paritarie

Assistenza, la Giunta comunale di Rimini rinnova convenzione con scuole d’infanzia paritarie

Rette sostenibili, supporto handicap e piattaforma informatica condivisa tra gli obiettivi della convenzione approvata tra Comune e scuole dell’infanzia paritarie. Un sistema fortemente integrato per il quale vengono garantite le risorse necessarie (individuate per il 2018/2019 in 400 mila euro) per il mantenimento di rette sostenibili, delle coperture assistenziali ed educative per gli studenti con disabilità individuati dai tavoli tecnici, la razionalizzare del sistema di iscrizione e la loro gestione attraverso la piattaforma informatica comune. Oltre ai 400 mila euro garantiti dalla convenzione, le spese assistenziali per studenti con bisogni speciali potranno usufruire anche di parte dei 370 mila euro dedicati dal Comune di Rimini per il sostegno all’handicap.

I tre vincoli posti dal Comune alle scuole paritarie per accedere ai contributi sono:

  • Applicazione di tariffe differenziate, basate sull’Isee, per famiglie in condizioni di disagio economica
  • Condivisione e razionalizzazione della piattaforma informatica per le iscrizioni
  • Rispetto della legge relativa relativa all’obbligo vaccinale

Un rinnovo che permette così di proseguire la proficua collaborazione tra istituzioni pubbliche e private. Grazie alla triangolazione tra Stato, Comune e scuole paritarie è possibile infatti coprire sostanzialmente il totale della domanda educativa per la fascia 3-6 anni sul nostro territorio. Le scuole paritarie private coprono infatti il 38% del fabbisogno di posti, dando risposta a circa 1.200 famiglie, a cui si aggiungono le 800 garantite dalle scuole statali.

Il sistema riminese pubblico e privato – sottolinea Mattia Morolli, assessore ai servizi educativi del Comune di Rimini – garantiscono una copertura omogenea e di qualità alle famiglie. Una integrazione didattica, sociale e informatica. Per favorire una gestione più efficace dell’offerta all’interno del sistema integrato, occorre evitare le doppie ammissioni. Per questa ragione, nel caso di ammissione a una scuola dell’infanzia privata viene a decadere l’eventuale domanda di iscrizione a quella comunale. Non possono, dunque, coesistere situazioni di iscrizioni nelle strutture di privati convenzionati e permanenza nelle liste d’attesa comunali. Ciò permetterà anche di snellire le liste di attesa e ottimizzare la copertura, garantendo inoltre la libertà di scelta da parte delle famiglie riminesi”.

Ultimi Articoli

Scroll Up