Home > La puèšia ad Muratori > At chèša mia e’ cmanda e’ gat!

At chèša mia e’ cmanda e’ gat!

E’ mi gat per tót e’ dé,
e’ pasègia avènti e indré,
da e’ tapèt a e’ cusèin,
da la scarana ai scalèin.

At chèša sna da par ló,
e’ pò fè tótt quèl ch’e’ vò,
isé quand che mè a sò via,
un sèint la malincunia.

Dòp che tót e’ dé um mènca,
la séra un saluta gnènca,
s’ai vag pu da všèin,
e’ miula, un gni stà bèin.

E’ vò mantnì al distènzi,
per quest un s fà inènzi,
u jà da és fra nun dó,
un mètre se non ad pjó.

Un mi vèin tla faldèda,
zà che ló l’à da vèda,
du ch’a sò e quel ch’a faz,
ch’an gn’ò da rómp e’ caz.

Al šmègni lin gni va bèin,
e mal carézi un gni tèin,
un gradès ch’ai lésa e’ pèl,
gnènca ch’ai faza bèl bèl.

Ló l’à un purtamèint,
da supèrb e strafutéint,
e’ pèr ch’e’ dèga s’ juciùn
ció nu stà a ròmp i quajun.

La séra prima dal sét,
u s’imbuša te mi lèt,
s’al tóc u s’arvòlta,
um l’à zà fat ‘na vòlta.

Da i su mòd ò da capì,
ch’an gni pòs pistè i pì,
e per ‘na tacita intéša,
l’è ló e’ padròun dla chèša.

L’è isé ch’u la mèt,
mu mè um téca stè zét,
zà ch’an pòs cuntrarièl,
mo prima o po ai lès e’ pèl.

Ivano Aurelio Muratori

A CASA MIA COMANDA IL GATTO!

Il mio gatto per tutto il giorno,/ passeggia avanti e indietro,/ dal tappeto al cuscino,/ dalla sedia ai gradini.

In casa da solo,/ può fare tutto quello che vuole,/ così quando io son via,/ non sente la malinconia.

Dopo che tutto il giorno mi manca,/ la sera non mi saluta neanche,/ se gli vado poi vicino,/ miagola, non gli sta bene.

Vuole mantenere le distanze,/ per questo non si fa innanzi,/ ci deve essere fra noi due,/ un metro se non di più.

Non mi viene sulle ginocchia,/ giacché lui deve vedere,/ dove sono e quello che faccio,/ che non gli devo rompere il cazzo.

Le smanie non gli van bene,/ e alle carezze non ci tiene,/ non gradisce che gli lisci il pelo,/ neanche che gli faccia bello bello.

Lui ha un portamento,/ da superbo da strafottente,/ sembra che dica con gli occhioni,/ di non stare a rompere i coglioni.

La sera prima delle sette,/ si imbuca nel mio letto,/ se lo tocco si rivolta,/ me l’ha già fatto una volta.

Dai sui modi devo capire,/ che non gli posso pestare i piedi,/ e per una tacita intesa,/ è lui il padrone della casa.

È così che la mette,/ a mè tocca star zitto,/ già che non posso contrariarlo,/ ma prima o poi gli liscio il pelo.

Ultimi Articoli

Scroll Up