Home > Speciale Elezioni > Ballottaggio Cattolica, Foronchi ai civici di Gessaroli: “Votate per me”

Ballottaggio Cattolica, Foronchi ai civici di Gessaroli: “Votate per me”

Non solo “la mia porta sarà sempre aperta per tutti i cittadini” e “porterò avanti i punti fermi del nostro programma” che sono “più o meno identici a quelli di Alleanza civica”, ma su questi punti “mi impegnerò a coinvolgere attivamente i consiglieri di minoranza che li condividono”. A dirlo, la candidata per il centrosinistra a Cattolica Franca Foronchi in vista del ballottaggio del 17 e 18 ottobre, chiamando dunque in causa i civici che spera di avere dalla sua parte al secondo turno.

Foronchi, dunque, all’indomani del ‘niet’ ad appoggiarla di Massimiliano Gessaroli, candidato sindaco per Alleanza civica e per il centrodestra, non molla. Anzi, tende la mano agli elettori del centrodestra, cioè, agli elettori civici del centro destra, apprezzando proprio “l’apertura” fatta dal loro leader su diversi punti contenuti nel programma del centrosinistra: scuola Repubblica, parcheggi, viabilità, tutela della spiaggia libera – assicurando su di essi sostegno in Consiglio dalle file di opposizione.

Foronchi è “l’asso” che a Cattolica, in provincia di Rimini, ha portato Pd e alleati al ballottaggio contro il sindaco uscente dei cinque stelle, Mariano Gennari. Con il 48,93% delle preferenze e per soli 75 voti mancanti ha persino ‘rischiato’ di passare al primo turno. Nell’ultima città costiera della Romagna, al confine con le Marche, dove vivono poco più di 17.000 abitanti, non c’è stato verso di realizzare il “sogno” di una coalizione giallorossa, malgrado il pressing della ‘casa madre’.

L’attuale sindaco Gennari ha amministrato per 5 anni la città con una maggioranza grillina monolitica che nel 2016 ha strappato il Comune al centrosinistra, dopo oltre 50 anni di primato indiscusso. Durante il suo primo mandato Gennari non ha mai ceduto su nulla all’opposizione, neppure al centrodestra che lo aveva sostenuto al ballottaggio del 2016. E al momento del voto domenica scorsa si è così ritrovato praticamente solo, raggranellando il 27,61% dei voti. Non è quindi un’eresia se Foronchi per il ballottaggio guarda agli elettori del centrodestra, anzi, agli elettori civici del centro destra, dove la lista capitanata dal candidato sindaco Massimiliano Gessaroli ha ottenuto più voti di Lega e Fdi e porta in dote una fetta della torta che sfiora il 9% degli elettori. Lo stesso Gessaroli si è espresso con un niet categorico nei confronti del sostegno a Foronchi “chiara espressione del Pd”, anche se si è detto poi pronto, in caso di vittoria, a darle supporto su alcuni temi che guarda caso riguardano, tra gli altri, proprio la scuola Repubblica e la viabilità. Da qui la mano tesa di Foronchi.

La candidata del centrosinistra punta poi naturalmente a convincere anche la vasta platea dei non votanti, dato che l’affluenza è stata solo del 53,1% degli elettori cattolichini.

“Per chi ha a cuore il futuro della città, sia chi non è venuto a votare al primo turno, sia quelli che hanno votato altro, noi ci siamo e ci saremo, senza pregiudizi – è l’appello di Foronchi – i cittadini avranno tutti lo stesso rispetto e la mia porta sarà sempre aperta”.

Ora l’attende dunque un altro round a cui si prepara “tornando di nuovo in mezzo alla gente, come si è fatto per tutta la campagna elettorale – spiega – il tempo è poco, ma ci proveremo di nuovo con i banchetti, gli incontri personali, faremo sentire la nostra vicinanza”.

Foronchi punta molto sul programma che nasce proprio dagli incontri con cittadini e categorie, spiega. “Non è stato calato dall’alto ma abbiamo ascoltato i cattolichini e abbiamo tenuto fermi alcuni punti: lavoro, turismo, scuola, il sociale la sostenibilità”.

E proprio su quei “punti” tende la mano ai civici di Gessaroli. Si parte da una scuola elementare che è stata campo di battaglia con Gennari, intenzionato a rifarla ex novo e a spostarla in un’area verde di un quartiere periferico. “La scuola Repubblica resta dove è – assicura invece Foronchi – è l’unica scuola nel centro della città e rappresenta il punto di partenza per la riqualificazione dell’area di piazza della Repubblica, polo culturale di Cattolica, basta costruire su aree verdi, si rigenera quello che c’è già”.

Quindi la viabilità: “E’ da rivedere ma non si improvvisa – puntualizza – faremo elaborare uno studio da esperti”. Infine il lavoro: “Pensiamo non solo a quello dipendente, ma anche a chi dà il lavoro – chiosa – e ha sofferto per la pandemia”. Su questi temi in particolare “c’è un’identità di vedute, più o meno, con la lista civica di Gessaroli”, sottolinea. E “se i cattolichini ci vogliono dare fiducia, noi li porteremo avanti con la serietà che ci ha contraddistinto in campagna elettorale”, assicura.

E poi, in particolare, rivolgendosi a chi non è andato a votare: “Il sindaco è l’istituzione più vicina alla gente – manda a dire – io lo sono già stata a Gradara e la mia porta è sempre stata aperta, non mi sono mai sottratta, ho sempre ascoltato sia che la risposta poteva essere ‘sì’ o ‘no’, il mio rispetto è uguale per tutti i cittadini”.

In conclusione, “Chi non è venuto a votare sappia che Cattolica ‘non è Roma’ – ribadisce infine – il sindaco qui si incontra andando a fare la spesa al mercato coperto, passeggiando davanti al municipio e la mia porta sarà sempre aperta a tutti”.

Ho letto con attenzione – scrive Franca Foronchi candidata Sindaca per Cattolica – il comunicato stampa del Dottor Gessaroli: una presa di posizione a mio avviso equilibrata e corretta. Fin dal giorno dopo l’esito delle elezioni, sia io sia i partiti della coalizione che mi sostengono stiamo cercando di comunicare in modo chiaro due messaggi. 

Il primo è rivolto alle persone che già al primo turno hanno votato per la mia persona e la coalizione di centrosinistra, chiedendo loro di tornare alle urne per il ballottaggio di domenica 17 e lunedì 18 ottobre; questa azione è fondamentale perché per vincere abbiamo bisogno del loro sostegno. 

Il secondo messaggio – prosegue la nota di Franca Foronchi – è indirizzato a quei cittadini che al primo turno non sono venuti a votare o che non ci hanno votato, invitandoli a venire ad esprimere la propria scelta al ballottaggio avendo letto prima con attenzione il nostro programma elettorale. 

Il Dottor Gessaroli, nel suo comunicato, cita alcuni progetti che stanno particolarmente a cuore a lui e alla lista civica che lo ha sostenuto; penso ad esempio alla ricostruzione della scuola della Repubblica dove si trova ora, scelta che impedirebbe di riflesso di cementificare l’ultima grande area verde rimasta nel quartiere Macanno; evitare la costruzione del mega parcheggio sotterraneo in Piazza Roosevelt; evitare la privatizzazione della spiaggia libera adiacente al porto; attuare una revisione generale della viabilità cittadina. La posizione del Dottor Gessaroli su questi temi, così come su altri, è in linea con il programma presentato già a luglio dalla coalizione di centrosinistra. 

Ricordo inoltre che su alcuni di questi temi sono state portate avanti insieme battaglie durante i cinque anni di opposizione: penso ad esempio al sostegno congiunto per la raccolta firme per evitare lo spostamento della scuola della Repubblica e per provare a convincere l’attuale amministrazione a rivedere il progetto del nuovo supermercato Macanno, per il mantenimento della spiaggia libera al porto, risultato raggiunto in questa legislatura con la concreta possibilità che, in caso di vittoria di Gennari, “la porta” si riapra nella direzione auspicata dall’attuale maggioranza. 

Il mio impegno – conclude Franca Foronchi candidata Sindaca per Cattolica – qualora i cittadini ci daranno la fiducia al ballottaggio, non è solo quello di onorare quegli impegni programmatici in cui ci ritroviamo con il Dottor Gessaroli e la lista che lo ha sostenuto, ma ci sarà un coinvolgimento attivo nelle scelte e nella programmazione amministrativa di quei consiglieri di minoranza che le sposano. Ritengo il loro contributo prezioso non solo in termini di controllo ma proprio nella condivisione delle scelte. 

A noi sta a cuore Cattolica e sui temi che abbiamo proposto nel nostro programma c’è la massima apertura per la loro realizzazione”.

(Agenzia DIRE)

Ultimi Articoli

Scroll Up