Home > Ultima ora economia e lavoro > Bando per rigenerare Palazzo del Turismo di Bellaria

Bando per rigenerare Palazzo del Turismo di Bellaria

E’ stato pubblicato all’Albo Pretorio del Comune di Bellaria Igea Marina, con scadenza fissata al 15 luglio, il bando di concorso per il progetto di rigenerazione del Palazzo del Turismo di Bellaria Igea Marina. “Il percorso a cui diamo il via oggi rappresenta qualcosa di ampio e ambizioso, riconoscendo l’area compresa fra il Palazzo del Turismo e l’attuale Biblioteca Comunale come un unicum, un polo culturale strategico e di pregio”, spiega il Sindaco Filippo Giorgetti.

L’obiettivo di quello che si configura come un vero e proprio concorso di idee”, aggiunge, “è alzare l’asticella, perseguendo una progettazione di qualità e di ampio respiro: per portare Bellaria Igea Marina nel mondo della cultura così come viene modernamente concepita a livello europeo. Anzitutto dotandola di nuovi spazi multimediali e multifunzionali in cui possano essere ricompresi anche i servizi bibliotecari, che miriamo a rendere sempre più dinamici, aperti ai turisti e in grado di sfruttare tutte le potenzialità dei nuovi sistemi di fruizione e diffusione della cultura e dell’informazione.”

Come per l’intervento in piazza Don Minzoni, come la realizzazione del nuovo waterfront in zona Nord, il Sindaco sottolinea che “quella al via è una piena rigenerazione. Il progetto che cerchiamo dovrà infatti prevedere anche una nuova immagine esterna, preservando l’opera realizzata di recente da Gola Hundun, concependola come luogo collegato all’edificio che accoglie oggi la biblioteca.” Per quanto concerne gli spazi interni, l’area oggetto di concorso è ampia e comprende l’atrio di ingresso del Palazzo del Turismo, l’attuale sala polifunzionale alla sua destra, gli ambienti dello IAT – Informazioni e Accoglienza Turistica, la grande sala conferenze al piano primo, lo spazio di deposito al piano secondo e la terrazza di copertura del volume della polizia municipale. Non cambieranno né aspetto né destinazione d’uso, quindi, i locali che accolgono la Polizia Municipale e quelli di Fondazione Verdeblu.

Come detto, il quadro progettuale che verrà selezionato per il Palazzo del Turismo – tetto massimo per i lavori fissato al momento a due milioni di euro – si affiancherà, “in maniera esteticamente e progettualmente armonica, la rifunzionalizzazione dello stabile di viale Paolo Guidi che ha ospitato dagli anni Settanta ad oggi la Biblioteca Comunale.” Edificio che “nella nostra vision ha le caratteristiche per ospitare un polo museale cittadino che armonizzi e racchiuda uffici, mostre e spazi dedicati all’archivio: un nuovo ambito espositivo unitario, rigenerato ed accogliente, che dialoghi in un unicum con la nuova vocazione culturale del nostro Palazzo del Turismo.”

 

 

 

Ultimi Articoli

Scroll Up