Home > Sport > Basket Rimini torna a essere uno solo. Maggioli: “Subito in A2? Noi pronti”

Basket Rimini torna a essere uno solo. Maggioli: “Subito in A2? Noi pronti”

Il basket di Rimini torna a essere uno solo. Rinascita Basket Rimini ha infatti acquistato la matricola 00122 del Basket Rimini Crabs. Una matricola davvero storica: sono solo altre quattro società di pallacanestro possono vantare in Italia il fatto di non aver mai cambiato assetto, senza fallimenti o altro,  dall’anno di fondazione, che a Rimini fu il 1947.

Ma c’è dell’altro. I colori biancorossi potrebbero tentare di fare il balzo in A 2 già dal prossimo campionato. Secondo il presidente Paolo Maggioli, infatti, Rimini sarebbe “pronta”, perfettamente in grado di fare il salto di categoria. Come e perché?

Il fatto è che la crisi sta investendo parecchie società, con alcune a ritrovarsi neppure in grado di iscriversi ai prossimi campionati. Data la posizione in classifica di Rimini, terza in perfetta parità con Cesena, le possibilità di un ripescaggio nella serie superiore potrebbero essere molto consistenti. Ma non solo. Società in difficoltà – e già qualcuno fa il nome di Imola – sarebbero già disposte a cedere il titolo sportivo.

Riguardo l’accordo con Luciano Capicchioni per l’acquisizione la matricola storica, si dipanerà in dieci anni e concretamente riguarda soprattutto il patrimonio del vivaio.

Di tutto ciò si è parlato questa mattina durante una conferenza stampa al palasport Flaminio. Presenti la squadra, lo staff, i giornalisti, gli amici di RBR, numerosi tifosi e l’assessore allo Sport del Comune di Rimini, Gian Luca Brasini.

Il presidente Paolo Maggioli ha anche annunciato l’ingresso nel gruppo di nuovi componenti, “che rappresentano aziende importanti: Luca Vici e Andrea Mainetti, amministratore di PhotoSì Riccione”. E nel confermare le concrete possibilità di conquistare la A2, le uniche perplessità riguardano il come, con la tentazione di attendere ancora un anno per vincere sul campo: “Per come abbiamo fatto in questi anni il pensare di rinunciare a una cavalcata trionfale in serie B è una cosa che quasi ci dispiacerebbe, però siamo aperti a qualsiasi opportunità”.

 

Scroll Up