Home > Ultima ora politica > Bellaria, PD: “Il libro dei sogni delle opere pubbliche”

Bellaria, PD: “Il libro dei sogni delle opere pubbliche”

Un comunicato del Partito Democratico di Bellaria sul programma delle opere previste dall’Amministrazione Comunale:

Leggendo l’elenco annuale opere pubbliche per il prossimo triennio non possiamo far altro che notare come ancora una volta i punti qualificanti siano i medesimi che già dall’inizio della legislatura, ben 5 anni fa, facevano capolino nei medesimi documenti.

A voler essere precisi una differenza c’è e riguarda i costi (interamente a carico dei privati) che sono passati, ad esempio per il lungomare Cristoforo Colombo, da € 1.970.000 a ben € 3.500.000 con un incremento percentuale di ben il 78%. Ovviamente non è dato sapere il perché di questo incremento vertiginoso che dovrebbero pagare gli operatori di spiaggia coinvolti (Bagnini e Chioschisti).

Purtroppo la delibera riguardante l’elenco opere pubbliche per il prossimo triennio altro non è che, sostanzialmente, la riproposizione delle medesime opere.

E’ sin troppo facile prevedere che non avremo modo di vederle realizzate al pari degli anni scorsi.

Già quando vennero presentate la prima volta abbiamo sottolineato il fatto che stante la situazione delle concessioni demaniali quelle opere non avrebbero potuto vedere la luce e, così, puntualmente è stato. Ovviamente non abbiamo doti di preveggenza. Chiunque con un minimo di buon senso avrebbe potuto prevedere quanto puntualmente è successo. Si potrà dire che, dopo tutto, se anche non si sono fatte quelle opere non si è fatto alcun danno.

Peccato che così non sia visto che tutta la confusione che regna sul futuro delle nostre spiagge nasce proprio dall’aver voluto inserire quelle opere che richiedono, ovviamente, la rassegnazione delle concessioni demaniali.

Come ben sappiamo l’approccio sconsiderato assunto da questa Amministrazione ha gettato nel più totale caos gli operatori di spiaggia che, con gli anni, si sono visti in posizione sempre più precaria.

Visto quello che è stato presentato recentemente è l’ultimo elenco annuale opere pubbliche presentato da Ceccarelli non sarebbe stato un male che, almeno alla fine del mandato, si fosse fatto un atto di realismo cancellando queste previsioni irrealizzabili, come successo nella passata legislatura quando d’incanto scomparve la realizzazione del nuovo plesso scolastico. In tal modo si sarebbe evitato di prendere in giro i nostri operatori”.

Partito Democratico / Bellaria Igea Marina

Scroll Up