Home > Ultima ora > Bimbi del riminese protagonisti dello spot per la giornata contro la distrofia muscolare

Bimbi del riminese protagonisti dello spot per la giornata contro la distrofia muscolare

Sono dei bambini disabili della provincia di Rimini  e le loro mamme i protagonisti dello spot girato per la campagna “Giocando si impara”, promossa dalla Uildm-Unione italiana lotta alla distrofia muscolare. Il video sarà utilizzato per promuovere la campagna nazionale che si svolge da oggi 3 aprile fino al 16  del mese, sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica.

Nello spot appaiono Cristian, che si muovono su sedie a rotelle o hanno altre difficoltà; ma nella loro città, in provincia di Rimini, mancano aree di con giochi accessibili anche ai bambini con disabilità motoria e non può stare in compagnia dei suoi amici Samuele e Caterina. Le loro mamme si sono battute per rendere inclusivo il parco giochi del paese, ed ora finalmente i ragazzi possono giocare tutti insieme.

L’iniziativa servirà a raccogliere fondi per contribuire a realizzare in tutta Italia aree gioco senza barriere architettoniche, con strutture adatte ai bambini disabili.

Dal 3 al 16 aprile, inoltre, i volontari UILDM saranno presenti con tanti punti di raccolta sul territorio nazionale per offrire una tavoletta di cioccolata, con un contributo minimo di 6 euro.

“Giocare insieme permette di fare amicizia – spiega l’associazione – maturare affetti e crescere come adulti consapevoli. Inoltre, giocare all’aperto, al parco o in un’area verde, permette di sperimentarsi nel proprio corpo e sviluppare la propria autonomia, indispensabile per sentirsi liberi, per essere liberi e sviluppare l’autostima e il rispetto per sé stessi e gli altri. Avere giochi e aree gioco alla portata di tutti i bambini significa far crescere le comunità e la società ed è un traguardo che si raggiunge insieme. Perché giocare con gli altri fa bene. A tutti”.

«Ripartire dai più piccoli è fondamentale, perché attraverso loro possiamo raccontare un mondo possibile e il gioco è il primo passo da fare, a livello culturale – aggiunge Marco Rasconi, presidente UILDM. – Quando giochiamo siamo tutti uguali, ognuno con la propria specificità e diversità. Grazie al gioco possiamo costruire una realtà in cui nessuno è escluso».

uildm

Ultimi Articoli

Scroll Up