Home > Cronaca > Bonaccini: “Rt sceso, Emilia Romagna zona gialla da domenica. Ora i ristori”

Bonaccini: “Rt sceso, Emilia Romagna zona gialla da domenica. Ora i ristori”

“Credo che l’Emilia Romagna da domenica sarà di nuovo zona gialla, aspetto solo l’ufficialità. Se accade è perché le restrizioni delle ultime due settimane hanno pagato e l’Rt è sceso. Ora devono arrivare subito i ristori dal Governo” per le categorie che hanno dovuto chiudere. Lo ha detto il presidente della Regione Emilia Romagna, Stefano Bonaccini, intervenendo alla trasmissione ‘L’Aria che tira’, su La7.

Bonaccini commenta anche la dichiarazione del ministro degli Affari regionali Francesco Boccia che ha annunciato che “da qui a 15 giorni tutta Italia o gran parte sarà gialla”. “E’ una speranza, ne abbiamo discusso con il ministro della Salute e con Boccia, mi auguro che l’Emilia-Romagna tornerà zona gialla già da domenica prossima”.

Bonaccini punta anche al coprifuoco ‘natalizio’ a Natale e Capodanno per bar e ristoranti: “Se aprono tengono aperto, con le eventuali restrizioni che già oggi in parte ci sono. Se il Dpcm non cambia bar e ristoranti potranno aprire fino alle 18 nelle zone gialle. Io penso che l’apertura andrebbe estesa anche al giorno di Natale e Capodanno, altrimenti diamo messaggi e notizie che non vengono secondo me percepite e capite”.

Capitolo vacanze: se le stazioni sciistiche “non riaprono fino ai primi di gennaio servono ristori subito e adeguati”. Secondo Bonaccini non è tanto lo sciare in quanto tale, sport che si pratica “all’aria aperta e quasi sempre col casco”, a creare il rischio, “il problema riguarda cio’ che attorno alle vacanze, cioè eventuali assembramenti nei luoghi oltre le piste da sci”. Sul tema comunque “mi interessa ragionare insieme al Governo e insieme all’Europa. Mi pare che l’Austria stia decidendo di tener chiuso, Francia e Germania hanno chiesto all’Unione europea di prendere una decisione per le regioni alpine uniforme e tenderebbero alla chiusura. La Svizzera la trovo un po’ curiosa, è uno degli stati messi peggio in questo momento, con le terapie intensive che stanno esplodendo e si permette di riaprire”.

 

Ultimi Articoli

Scroll Up