Home > amici degli animali > Botti e udito dei cani: perché è meglio festeggiare in modo più silenzioso

Botti e udito dei cani: perché è meglio festeggiare in modo più silenzioso

Natale è alle porte, e con esso il Capodanno. Dopo tanti lockdown si ha voglia di uscire e festeggiare. Eppure s’invita sui social, in tv e un po’ ovunque, quest’anno come gli anni precedenti, a dare sfogo alla felicità, con una certa moderazione pensando anche agli amici a quattro zampe. 

I cani ci stupiscono sempre per il loro fiuto eccezionale. Ma non è l’unico senso che hanno altamente sviluppato, un altro è l’udito; i cani, infatti percepiscono sia gli ultrasuoni e che gl’infrasuoni. 

Immaginate di avere un tale udito e di dover sentire i botti di capodanno! Per chiunque sarebbe un trauma. E i cani di qualsiasi razza non fanno eccezione; lo shock porta a diverse conseguenze, una di queste è scappare. 

Ogni anno, la mattina del primo di gennaio il recupero dei canili ha sempre un gran da fare per prendere i cani scappati e portarli in struttura, tocca poi, agli operatori rintracciare il proprietario, sempre se il cane abbia il microchip. Sono molti infatti i cani (ma anche i gatti) che non tornano più a casa.

Se un cane (o altri animali) ha un problema cardiaco, i botti potrebbe essergli addirittura fatali. 

Senza contare che fuggendo via, un cane potrebbe causare incidenti, finire in qualche fosso o buca perché, in preda alla paura, non pensa alla propria incolumità. 

Da qualche tempo esistono dei fuochi d’artificio silenziosi. Almeno così dicono. Ma secondo il sito Bufale.net i fuochi silenziosi non sarebbero così silenziosi, il botto, comunque che fanno è molto più contenuto rispetto ai tradizionali.

In attesa che i comuni vietino i botti di capodanno in rispetto agli animali, ai proprietari di cani si cerca ogni anno di dare qualche consiglio: mettere il cane in una stanza con la tv o la radio accesi, se il cane vuole nascondersi lasciarglielo fare, non lasciarlo solo. Durante l’anno affidarsi ad un educatore perché possa abituare il nostro cane a simili rumori. 

Quindi quest’anno divertiamoci, ne abbiamo diritto e bisogno, ma facciamolo pensando anche a chi come i cani (o altri animali) non si divertono affatto, per i rumori troppo alti. 

Chiedere è lecito, rispondere, in questo caso, avere un ‘occhio di riguardo, è cortesia.

Ultimi Articoli

Scroll Up