Home > La puèšia ad Muratori > Cal zarèši chi j li còj?

A jò dét ma la mi möj,
cal zarèši chi j li còj?
Dai va té só ma la schèla,
ch’um dà só la trimarèla.

Quél ch’l’è ènca pèz,
l’è al gambi ch’lin rèz,
sa dièš an pjó ca ne té,
an gni mèt gnint a caschè.

Švèlta cumè ‘na zghèla,
té t vòl só ma la schèla,
t ci länga e int un sbrès,
e’ zarèš ta me pulès.

Mo ch’an l’avès mai dét ,
am sò ciap de dèrèlét,
e sla zunta d’ufèši,
per dì cój du tré zarèši.

Avès dét: còj l’urtiga,
us sà ch’l’è fadiga,
sal zarèši l’è un zughèt,
a n’ò capì un na isé nèt.

Mè an li arcòi per davéra,
per caschè dl’èlt ma tèra,
l’è zà suzès purtròp,
tènt l’è ch’a vag via zòp.

Ch’al staga tachèdi ilé,
fina a che lin vò caschè,
intènt i mèrle is li magna,
da l’èrbur dla cucagna!

Mo ma léa ai la faz paghè,
s’la vò al zarèši dop magnè,
ai arspònd ch’um dispièš,
ch’ agl’jè ancóra se zarèš.

Ivano Aurelio Muratori

QUELLE CILIEGlE CHI LE RACCOGLIE?

Ho detto a mia moglie,/ quelle ciliegie chi le raccoglie?/ Dai vai tu su per la scala,/ che mi vièn la tremarella.

Quello che è ancora peggio,/ sono le gambe che non reggono,/ con dieci anni più di te,/ non ci metto niente a cadere.

Svelta come una cicala,/ tu voli su per la scala,/ sei lunga e in uno attimo,/ il ciliegio me lo pulisci.

Ma che non l’avessi mai detto,/ mi son preso del derelitto,/ e con l’aggiunta di offese,/ per dire raccogli due tre ciliegie.

Avessi detto: raccogli l’ortica,/ si sa che è fatica,/ con le ciliegie è un giochetto,/ non ho capito un no così netto.

Io non le raccolgo davvero,/ per cadere ancora per terra,/ è già successo purtroppo,/ tant’è che vado via zoppo.

Che stiano attaccate lì,/ fino a quando non vogliono cadere,/ intanto i merli se le mangiano,/ dall’albero della cuccagna.

Ma a lei gliela faccio pagare,/ se vuole le ciliegie dopo mangiato,/ le rispondo che mi dispiace,/ che sono ancora sul ciliegio.

Ultimi Articoli

Scroll Up