Home > Ultima ora sport > Calcio all’arbitro che lo espelle, capitano della Stella squalificato per tre anni

Calcio all’arbitro che lo espelle, capitano della Stella squalificato per tre anni

Costa carissimo al capitano della Stella S.G. il calcio rifilato all’arbitro che l’aveva espulso. Nicola Mussoni è stato squalificato per tre anni, mentre la partita di domenica scorsa, valida per il campionato di Promozione, girone D, è stata assegnata al San Pietro in Vincoli per 3-0 a tavolino.

 Dopo l’episodio, l‘incontro era stato sospeso al 36’ del secondo tempo, quando i riminesi erano in svantaggio di un gol. Mussoni aveva colpito l’arbitro Matteo Benini di Forlì con un calcio alla coscia, provocandogli un dolore tale da non per proseguire la direzione della gara, come si legge nella motivazione del giudice sportivo. Durante la partita era stato espulso anche l’allenatore della Stella e un dirigente.

Inoltre,  inibizione fino al 20 marzo 2019 per il dirigente Fabrizio Facondini, “per aver rivolto gravi offese nei confronti dell’arbitro, inoltre, un volta posizionatosi in tribuna, reiterava tale comportamento”. Squalifica fino al 20 febbraio per l’allenatore Riccardo Boldrini, “per proteste nei confronti del direttore di gara”. Squalifica per una gara per ii giocatori Luca Angelini e Filippo Belicchi.

La società si era dissociata dal fatto, il giocatore, pentito, si era detto molto dispiaciuto. Ma dopo l’interruzione della partita, il verdetto sul suo risultato appariva scontato. Molto pesante invece la sanzione inflitta al giocatore. Solo di recente la squalifica per le aggressioni contro i direttori gara era stata aggravata, portandola a un minimo di un anno, raddoppiabile in presenza di referto medico.

L’aggravamento delle sanzioni era arrivato dopo che l’Aia, l’associazione degli arbitri, nella stagione 2017/18 aveva registrato qualcosa come 451 aggressioni ad arbitri o assistenti, specialmente sui campi dei dilettanti. E in questa stagione i casi erano già arrivati a 50.

Scroll Up